88
Dalla Champions... alla Champions. Era il 27 settembre quando, durante il riscaldamento della sfida contro l'Olympiacos, Miralem Pjanic si fermò per un problema muscolare al quadricipite femorale. Un infortunio che impedì al bosniaco di scendere in campo contro i greci, ma che lo ha tenuto fuori anche dalle sfide di campionato contro Atalanta e Lazio, nelle quali la squadra di Massimiliano Allegri ha raccolto appena un punto.

BENTANCUR OK, MA... - Un caso? Tutt'altro. Al posto del bosniaco, l'allenatore bianconero ha schierato Rodrigo Bentancur, che ha colpito tutti per personalità e qualità. Ad appena 20 anni, l'uruguaiano arrivato dal Boca Juniors ha bruciato le tappe e si è guadagnato subito la maglia da titolare. Ma la strada è ancora lunga, come ricorda spesso lo stesso Allegri, che gli rimprovera di cercare troppo poco la verticalizzazione e il lancio e di preferire invece il passaggio corto.

REGISTA ALLA BONUCCI - Ma nella Juve, in questa Juve, è fondamentale avere un uomo che cambi velocemente il gioco e dia maggiore imprevedibilità alla manovra. Quello che fino allo scorso anno faceva Leonardo Bonucci, vero regista della squadra che ha vinto sei scudetti consecutivi. Partito lui, le chiavi del gioco bianconero sono passate a Pjanic che, dall'inizio di questa stagione, ha alzato notevolmente il suo rendimento rispetto al primo anno a Torino. L'infortunio lo ha bloccato, e ha bloccato tutta la Juve. Da mercoledì, in Champions, la musica del Pianista è pronta a tornare.

@marcodemi90