138
E’ ormai praticamente fatta per il passaggio del Monza a Berlusconi e Galliani. Nicola Colombo, presidente del Monza, ha parlato in diretta in tribuna stampa ai microfoni di Monza-News al termine della gara col Brescia persa per 2-1: "È stata una gara molto amichevole col Brescia. Loro hanno trovato 2 gol da lontano. Tutto sommato poteva finire 0-0. Bisogna trovare i meccanismi dell'anno scorso e far entrare i nuovi. Siamo comunque tranquilli perché mancavano alcuni dei nuovi. Parlo ancora da presidente? Ho letto l’intervista e Galliani ha detto che con ogni probabilità resterò. Stiamo definendo con gli avvocati il perimetro della due diligence. Poi vedremo quali saranno i tempi. Abbiamo comunque condiviso valori ed elementi di una potenziale partnership. Siamo tranquilli e contenti di arrivare accordo a breve. Sicuramente sarebbe grande opportunità per il territorio e per Monza. Nell'operazione rientrerebbe anche la riqualificazione del Brianteo. Smantellamento squadra? Credo che se a gennaio le cose non fossero andate bene anch'io avrei modificato. Bisogna vedere come andrà la stagione e poi a gennaio si faranno valutazioni. Ma non credo nella rivoluzione dell'organico. Tempi trattativa? Credo si chiuderà in fretta. Magari non si tratta di giorni ma di poche settimane”.

A Sky Sport, Colombo ha aggiunto: “Ho mantenuto un po’ di riserbo nei primi giorni, ora posso dire che è stato veramente un fulmine a ciel sereno perché oggi è sabato e fino a venerdì scorso non avevo alcun tipo di sentore che ci potesse arrivare questo tipo di opportunità. Non credo che sia solo un’operazione legata all’immobiliare, anzi, da quel che ho capito prima di tutto c’è un progetto sportivo importante per Monza. Poi c’è il grande legame affettivo di Galliani e Berlusconi per il territorio e per la squadra. Abbiamo già parlato del fatto che io possa rimanere presidente fino al 30 giugno del 2019, poi vedremo. Abbiamo il 30%, vedremo come gestire la prosecuzione del nostro rapporto. Dipenderà molto dai risultati dell’anno sportivo, poi vedremo come e se proseguire con la maggioranza”.