Commenta per primo
Kevin Prince Boateng ha parlato al canale tematico della Fiorentina, in vista della delicata partita contro la Juventus:

"Queste due settimane ci hanno aiutato ad analizzare quello che ci è mancato. Adesso arriva la squadra più forte del campionato, ma noi non vediamo l’ora, vogliamo vincere. Dobbiamo fare di tutto per vincere e qualsiasi squadra del mondo si può battere. Sabato non sarà importante chi avrà la tattica migliore, ma chi avrà più voglia di vincere. Gara con la Juve? Ho capito dal primo giorno quanto è importante, tutti mi hanno detto “puoi fare quello che vuoi ma devi fare gol contro la Juve”. Fare gol? Non do troppa importanza ai miei risultati singoli, se faccio gol sono contento, ma l’importante è vincere e dare il massimo. Se faccio gol è contento mio figlio. Commisso? Ho girato tante squadre e tanti paesi, e un presidente così non l’ho mai visto. Lui è veramente attaccato a noi, se potesse starebbe con noi in ritiro. Lui ha un temperamento diverso, molto americano, e per noi avere un contatto così è molto importante. Lui parla spesso con noi, ci chiede come stiamo e si vede che gli interessa veramente. Obbiettivi? Voglio lasciare qualcosa di importante qui, come ho fatto in tutti i club dove sono stato. Questo mi spinge ogni giorno, perché per me è importante finire la carriera nel modo che voglio io. Io gioco sempre al massimo, altrimenti non faccio niente, con me non si sbaglia.”