Ex centrocampista di Milan e Croazia e ora vice segretario della FIFA, Zvonimir Boban ha concesso una lunga intervista a 'Radio Anch'io Sport' su Radio Rai Uno: le sue dichiarazioni.

CROAZIA AL MONDIALE - "E' stato un magnifico torneo, che ha ridato tantissime speranze alle squadre. La capacità della Russia di organizzare un evento come questo non è stata una sorpresa per noi. Mondiale indimenticabile per la mia piccola Croazia, perché di fatto il Mondiale lo ha vinto anche perdendo in finale: forse per la prima volta nella storia ci sono stati due vincitori. Cosa è mancato per vincere? Abbiamo giocato una partita in più, brava la Francia che non lo ha fatto. Non abbiamo sfruttato la rigidità francese del primo tempo, la Croazia ha voluto giocare bene la finale e una cosa vuol dire giocare così, un'altra è competere per vincere: come ha sempre fatto la Francia nella sua storia, è stata più solida e guidata da un Deschamps maturo e pragmatico".
VAR - "Problemi in Italia? Credo sia il campionato migliore in assoluto per l'utilizzo del VAR. Non è stato creato per essere perfetto e al VAR non viene perdonato nulla, senza considerare quanti errori vengono risolti dal suo utilizzo: mi spiace tanto questo, le polemiche non possono essere tolte perché fa parte della vita calcistica. Gli errori, però, ci saranno sempre anche con l'utilizzo di un mezzo straordinario come questo, che sta ripulendo e correggendo il calcio. Sta mandando un messaggio anche ai calciatori, il VAR sta migliorando il calcio: tra vent'anni ci chiederanno perché non l'abbiamo inserito prima, gli errori gravi non esisteranno più. I giocatori hanno capito che il VAR vede tutto, anche i tocchi di mano impercettibili, per questo i calciatori hanno cambiato anche il modo di comportarsi in area".

MILAN - "Credo che ci siano cicli dei cicli nel calcio e spero che i rossoneri siano ripartiti in questo senso, spero che nel medio termine con tanto lavoro il Milan possa tornare a vincere tornando al top del calcio nel mondo. Leonardo e Maldini stanno lavorando benissimo e tantissimo, sanno di calcio e porteranno risultati: serve pazienza perché non è facile e ci sono tante cose da fare. La squadra sta facendo discretamente bene, anche perché con Higuain le cose cambiano in meglio per qualsiasi squadra che lo acquista".