Commenta per primo

Alberto Malesani andrà avanti con il 4-3-3. Questa almeno è l'in dicazione della seduta di ieri, in cui il tec nico rossoblù ha svolto sul campo alcune prove tattiche: ancora privo degli uru guagi - Perez a Palermo dovrebbe esse re titolare nonostante il jetlag e la diffida che incombe, mentre Ramirez difficil mente sarà proposto dal primo minuto - Malesani ha infatti provato l'assetto visto nelle ultime partite, almeno in avvio, con il centrocampo e l'attacco a tre. 

In avanti con Di Vaio Malesani ha provato Henry Damian Gimenez e Luca Siligardi, una soluzione che almeno inizialmente ga rantirebbe più copertura al tecnico ros­soblù, con i due esterni d'attacco chiama ti a limitare in fase di non possesso le di scese sulla fascia di due terzini di spinta come Cassani e Balzaretti e a tenerli bloccati il più possibile. Domenica a Pa lermo potrebbe toccare inizialmente a lo ro, con la verve di Ramirez e Meggiorini ( soprattutto quest'ultimo, meno esterno e più punta rispetto a Siligardi e Gime nez) pronta per essere spesa a partita in corso, magari per quel 4-2-1-3 visto con tro la Sampdoria che ha regalato il Bolo­gna più divertente di questo scorcio ini ziale di stagione. In mediana ieri sono stati provati Mudingayi e Casarini, con Radovanovic impiegato al centro, in quello che sulla carta è il posto di Perez, che tornerà ad allenarsi oggi insieme a Ramirez dopo la trasferta asiatica con la "Celeste". 

Si va verso la con ferma della difesa che fin qui ha rappre sentato una costante dei rossoblù, quella formata da Garics, Portanova, Britos e Rubin. Ieri Malesani ha provato insieme i primi tre, insieme al terzino sinistro Cruz Armada: il transfer per il diciotten ne prelevato dall'Atletico Madrid ancora non c'è, ma le frequenti prove dello spa gnolo con i titolari (in cui il ragazzo non sfigura, anzi: difficile vedere un titolare che riesce a superarlo) dimostrano che a Malesani il ragazzo piace e che una vol ta arrivati i documenti potrebbe trovare spazio, specie se l'assenza di Morleo do vesse andare per le lunghe. 

Notizie alterne dall'infer meria: per un Morleo che prolunga i suoi guai, ci sono Ekdal e Khrin ormai prossi mi al rientro. Ieri lo svedese ha lavorato con il gruppo ma non è ancora al top, es sendosi limitato a qualche giro di corsa a bordo campo - così come l'attaccante Pa poni - durante il quale ha controllato le condizioni della sua coscia sinistra, pro babilmente andata un po' sotto sforzo du­rante i 180 minuti giocati con la naziona le svedese Under 21. 

Fasciatura vistosa al ginocchio sinistro per Mudingayi, ma si tratta di una semplice precauzione vi sto che il centrocampista ha regolarmen te preso parte alla partitella con i titola ri.