2

Il presidente del club brasiliano Sport ha ammesso d'aver pagato un agente per poter avere uno dei suoi giocatori convocati nella nazionale del Brasile impegnata nella Confederations Cup del 2001.

Luciano Bivar ha ammesso, come riportato da Fox Sport, che lo Sport 'ingaggiò un lobbyista per poter promuovere l'immagine di Leomar e farlo giocare nella Seleçao'.'

Il centrocampista difensivo venne convocato dall'allora commissario tecnico Emerson Leao, che ha veementemente negato d'essere coinvolgo in questo tipo di schemi e ha rinnegato l'idea d'aver ricevuto dei soldi in cambio di presenze a livello internazionale. Leao allenò Leomar allo Sport prima di prendere in mano la nazionale brasiliana.

Bivar ha ammesso in un'intervista ai media brasiliani che questo tipo di lobby ''lavora di fatto sempre" e che gli agenti costantemente chiamano gli allenatori per chiedergli di promuovere i propri giocatori.