Commenta per primo

Beppe Scienza varia poco o nulla nella formazione che sabato cercherà di tornare alla vittoria dopo un'astinenza lunga due mesi. Da tanto mancano i tre punti nel cammino delle Rondinelle. Per fare ciò, Scienza prova a cercare nella continuità di formazione l'arma in più. Una continuità in realtà che c'è solo in parte, considerando che il tecnico di Domodossola dovrà fare a meno di Budel e Daprelà squalificati, oltre al capitano Zambelli che con i bergamaschi sconterà la seconda di tre giornate di squalifica per il rosso rimediato con l'Ascoli. Così in rampa di lancio ci saranno Madrolini, Magli e Martina Rini, tre elementi sui quali Scienza conta di fare affidamento.

Nel 4-3-1-2 saranno loro le uniche novità dell'undici titolare. La novità più importante tuttavia riguarda la conferma della coppia di centrali difensivi con Berardi e De Maio. Un segno di continuità che porterà allo spostamento di Magli (un difensore centrale di ruolo) nella posizione di terzino sinistro. In mediana fiducia a Martina Rini, più dinamico e in forma dei vari Vass, Cordova e Paghera. Dopo l'infortunio con il Gubbio per l'ex veronese l'occasione di giocarsi una carta importante dal primo minuto. Nessuno stravolgimento invece in attacco, dove Jonathas e Feczesin saranno chiamati a ritrovare il gol su azione. Il brasiliano si sta dimostrando elemento fondamentale e imprescindibile del gruppo di Beppe Scienza. Alle loro spalle confermato anche Juan Antonio, che nel test infrasettimanale giocato contro gli Allievi Nazionali terminato 11-0 è apparso in grande forma trovando con facilità la giocata vincente e il gol personale.