Commenta per primo
Il tecnico del Cagliari Festa ha parlato a Il Cagliari in diretta: "Sto bene per quanto si può star bene dopo una retrocessione così. Sono molto legato al Cagliari perché mi ha dato l'opportunità di diventare calciatore. Quando sono arrivato sapevo che sarebbe stata un'impresa titanica, però ci credevamo. Ad un certo punto avevamo anche la possibilità di tenere il lumicino acceso fino alla fine, però purtroppo non è andata così. Ora pensiamo a giocare bene le prossime due partite, dando magari la possibilità a chi non ha giocato. Anche vincendole tutte probabilmente non saremmo riusciti a salvarci. Se potessi restare al Cagliari sarei la persona più felice del mondo, ma sto facendo una bella esperienza e son contento personalmente perché allenare il Cagliari è un sogno. Ero talmente concentrato sul cercare di ottenere risultati che non ho minimamente pensato che questa potesse essere una vetrina per me stesso".