Commenta per primo

'Bisogna guardare sempre al bene comune, in questo caso la Fiorentina, quindi nella vicenda Montolivo la priorità è l'aspetto tecnico. E' una situazione paradossale, e al di là degli aspetti soggettivi, fossi nei panni di un tifoso mi preoccuperei della squadra'. Sebino Nela, ospite ai microfoni di Radio Toscana, è tornato su una delle questioni non risolte dall'ultima sessione di mercato della Fiorentina.

'Napoli-Fiorentina non è stata una partita facile per Montolivo, con i tre là davanti che hanno fatto bene, mentre lui è stato protagonista nella parte finale del primo tempo - ha aggiunto l'ex giocatore di Roma, Napoli e Genoa -. La Fiorentina ha fatto una buonissima gara al San Paolo, impedendo ai partenopei di costruire azioni da rete, con buona ampiezza sulle fascie laterali, e concedendo una sola chance a Lavezzi. Mihajlovic ha preparato molto bene la partita, in un campo difficile. Sul possibile rinnovo del tecnico serbo direi che entro l'anno bisognerebbe prendere una decisione, perché Mihajlovic sa che il mercato di gennaio è vicino e occorrerà capire se le sue esigenze tecniche possono essere esaudite dalla società. Cerci come Conti? E' un paragone un po' azzardato. Tutti riconoscono qualità al giocatore, ma per giocare a calcio serve anche la testa. E' un elemento di livello, se desse continuità e cancellasse qualche parte grigia che gli passa per la testa potrebbe affermarsi in maniera netta'.