597
La Procura di Perugia ha chiesto il rinvio a giudizio per l’ex rettrice dell'Università per stranieri di Perugia Giuliana Grego Bolli, l’avvocato Maria Cesarina Turco e altri due indagati nell’indagine legata all’esame di italiano sostenuto da Luis Suarez nel settembre dell’anno scorso. Nello specifico, Turco era indicata nelle carte come “legale incaricato dalla società Juventus football club spa”: è accusata di essere stata “concorrente morale e istigatrice” in relazione al reato di falsità ideologica. 

Insieme a Grego Bolli, Spina, Olivieri e Lorenzo Rocca (che ha già patteggiato) il legale deve rispondere di avere attestato falsamente che l’istituzione della sessione d’esame per la certificazione della conoscenza dell’italiano, straordinaria, tenutasi il 17 settembre “era motivata da esigenze logistiche (connesse all’occupazione delle aule) e di sicurezza (necessità di evitare assembramenti in relazione all’emergenza Covid), quando invece la sessione veniva istituita `ad personam´ solo per consentire a Suarez di ottenere, nei tempi richiesti dalla società sportiva Juventus e all’esito di una fittizia procedura d’esame”. L'Università per stranieri è considerata parte offesa.
E' stato invece sospeso, in base a quanto prevede l'articolo 371 bis del codice penale, il procedimento a carico dell'ex dirigente dell'area sportiva della Juventus Fabio Paratici, e dell'avvocato della stessa società  bianconera Luigi Chiappero, indagati per avere reso false informazioni al pubblico ministero. A loro carico la procura di Perugia non ha quindi formalizzato al momento alcuna richiesta.  La richiesta di rinvio a giudizio è stata firmata dal procuratore capo Raffaele Cantone e dai sostituti Paolo Abbritti e Gianpaolo Mocetti. L'inizio dell'udienza preliminare è stato fissato per il 28 settembre prossimo.