Commenta per primo
Lo stopper Christian Terlizzi, in odore di trasferimento, in conferenza stampa ha ribadito il suo attacamento alla maglia del Catania: "Sono contento che per me sta iniziando la quarta stagione a Catania. L’ho detto l’anno scorso, il mio campionato a Catania era finito ma speravo di rimanere qua, allungare la durata del contratto e magari chiudere la carriera qui. Ho ancora 4-5 anni da fare a buoni livelli. Col Direttore ci siamo messi a tavolino ed abbiamo discusso del rinnovo del contratto. Sono felice di questa cosa e sono sereno. Io vado in scadenza a giugno ma rimarrò altri due anni se le cose vanno in porto. Ribadisco, abbiamo parlato serenamente, lui ha con me un ottimo rapporto. Lo sapete meglio di me, lui è il primo ad attaccarmi davanti a tutti quando c’è da attaccarmi. Mi ha difeso poche volte perché sa che ho una personalità forte, e quando vengo attaccato vengo stimolato dato che vengo stimolato dentro perchè questa cosa mi dà fastidio. Mi fa tirare fuori il meglio di me. Lui lo sa e mi pizzica molto. Ne abbiamo parlato, ma in fondo mi vuole bene come io so, ed il nostro rapporto si base su questo rispetto reciproco. Le incomprensioni quando c’è il lavoro di mezzo è normale che ci siamo. Nascono tra uomini veri, ma quando ci si confronta e non si evita di parlarne ci si chiarisce e si va avanti. Felice di rimanere? Sono due anni che dicevano che andavo via, poi sono stato toccato dentro e l’anno scorso ho dato tutto quello che avevo. Penso di averlo dimostrato facendo un ottimo girone di ritorno. Non sono mai andato via da perdente in nessuna piazza e non volevo farlo a Catania. Magari se fossi andato via ora, avrei lasciato un buon ricordo di me. Poi invece sono rimasto, per la mia felicità. Non ero mai andato oltre i tre anni in un club. Qui sto bene, sono sereno, ho tanti amici, sta bene anche la mia famiglia“.