Calciomercato.com

  • Cellino accusa Radrizzani: 'Non mi ripaga il debito, pignoro le quote della Sampdoria'

    Cellino accusa Radrizzani: 'Non mi ripaga il debito, pignoro le quote della Sampdoria'

    Aria tesa tra i presidenti di Sampdoria e Brescia. Andrea Radrizzani e Massimo Cellino hanno condiviso un pezzo dell'avventura di Leeds, ma adesso i rapporti tra il patron blucerchiato e quello biancoblu sembrano davvero deteriorati, tanto è vero che lo stesso Cellino ha attaccato con forza il 'collega' genovese, prospettando uno scenario clamoroso, quello del pignoramento delle quote della Samp per un presunto debito non pagato. Ma andiamo con ordine.

    RATE - Nel 2017 Cellino aveva venduto il Leeds a Radrizzani. Oggetto del contendere però è un vecchio prestito per lo stadio, che il neo proprietario della Samp avrebbe dovuto restituire all'ex patron del Cagliari. La rata del 2023, scaduta il 31 agosto, non sarebbe stata onorata e per questo motivo Cellino starebbe valutando, assieme ai suoi legali, di pignorare alcune quote della Samp. 

    AFFONDO - Cellino ha affidato il suo pensiero a La Gazzetta dello Sport: "Radrizzani ha comprato la Samp mettendo a garanzia lo stadio del Leeds, che però aveva preso grazie a un mio prestito di 9,6 milioni di sterline, che mi deve restituire in rate annuali. Un finanziamento che scade nel 2026 per oltre un milione di euro all’anno da versare alla mia società che detiene le quote del Brescia. Anche in passato non c’è stata puntualità, ora la rata del 2023 è scaduta il 31 agosto. Mi sono fatto sentire e non ricevo risposte. Quel denaro serve al mio Brescia. Come può Radrizzani comprare un club prestigioso come la Samp da risanare se non riesce neanche a pagare i suoi vecchi debiti relativi al Leeds? Una cosa imbarazzante".

    QUOTE - "La lezione della Reggina non è servita? Bisogna stare attenti a chi rileva le società e controllare se ha i mezzi per mantenerle" ha aggiunto Cellino, che poi ha affondato "Devo tutelare me e il Brescia e per questo i miei legali stanno valutando se è possibile rivalerci sulle azioni della Sampdoria, sempre che siano a suo nome".
    Si attende adesso una replica da parte di Radrizzani dopo le pesanti accuse del patron bresciano. 

     

    Altre Notizie