Intrigo sul triangolo Londra-Genova-Roma. Tra indiscrezioni, novità e voci sempre più ricorrenti, l'argomento è sempre lo stesso: la possibile cessione della Sampdoria dalle mani di Massimo Ferrero a quelle di York Capital, fondo statuintense con sede anche a Londra.

Continuano ovviamente ad arrivare le smentite di rito, logiche in ogni trattativa. Il presidente blucerchiato Ferrero, ogni volta che è stato interpellato sulla vicenda, ha risposto negando ogni possibile coinvolgimento. "Ancora sta storia?! Portatemeli se ci sono i soldi altrimenti lasciateci quietare che dobbiamo finire la stagione" ha detto il Viperetta oggi a Il Secolo XIX.

Ferrero ha anche raccontato un retroscena piuttosto curioso: "Stamattina sotto il mio ufficio c'era un giornalista di Roma che mi ha detto che da Genova gli hanno detto che ho comprato la Roma da Pallotta. Insisteva dicendo 'dica la verità, lo sanno a Genova'. Che vi devo dire, smentire è inutile, scrivete un po' quel che vi pare, di sicuro - conclude - farò anch'io il giornalista nella prossima vita e ogni giorno la sparo più grossa".

Al di là delle battute però Ferrero non ha mai nascosto la sua valutazione per la Samp. L'imprenditore romano vuole tra i 120 e i 130 milioni di euro per la società, cifra che attualmente York Capital non avrebbe ancora raggiunto. La trattativa però starebbe procedendo, con contatti continui. E non andrebbero esclusi né rilanci, né possibili punti di incontro a metà strada.