270
A Milano è la settimana della moda. Domenica sera Rafael Leao ha assistito alla sconfitta del suo Milan contro il Napoli vicino alla panchina, dove ha sfoggiato una stilosissima giacca color bianco-rosso-blu e un cappellino con la scritta "Banlieue". Tra questo campionato e lo scorso, l'attaccante portoghese ha saltato soltanto 5 partite di Serie A: due contro il Napoli a San Siro, entrambe perse. Senza di lui in campo, la media punti della squadra di Pioli scende da 2,3 a 1,4 a partita. Ora il classe 1999 è impegnato con la propria nazionale, in campo sabato sera in Repubblica Ceca e martedì prossimo a Braga contro la Spagna sempre in Nations League

IL NODO - Sullo sfondo c'è poi la trattativa per il rinnovo del contratto, in scadenza a giugno 2024. Dopo il tentativo effettuato nell'ultimo mercato estivo, il Chelsea resta in pressing. Ma, sempre secondo la Gazzetta dello Sport, Leao vuole restare al Milan e ha fretta di firmare un nuovo contratto. Ovviamente con tanto di ricco aumento di stipendio, visto che attualmente guadagna 2 milioni di euro netti all'anno. Il dialogo con i dirigenti rossoneri è in corso, ma l'accordo è ancora lontano. Il calciatore chiede un ingaggio vicino ai 7 milioni di euro netti a stagione, il Milan è disposto a offrirgliene 6. 
TRE VARIABILI - Senza dimenticare la vetrina del Mondiale in Qatar e la questione dei 19 milioni di risarcimento allo Sporting Lisbona per la rescissione unilaterale del contratto nel 2018. Rafa, che nel frattempo ha subito un pignoramento deciso dal tribunale, chiede che siano i club (il Milan in particolare) a farsi carico del pagamento. Inoltre il Lille ha diritto a un 15% sulla sua futura rivendita. L'unica certezza è che i prossimi tre mesi saranno fondamentali, se non decisivi, per il futuro di Leao.