1
Maurizio Sarri, allenatore del Chelsea, ha parlato dopo la vittoria per 3-1 contro il Crystal Palace: "Undici gare senza sconfitte? Non è un record personale, ma della squadra. Sono molto orgoglioso di allenare questi ragazzi. Sono stato fortunato perché ho ottimi giocatori, che sono in grado di vincere anche quando non riescono a mantenere una grandissima organizzazione. Quando abbiamo perso la palla, ci siamo trovati nei guai: abbiamo concesso loro degli spazi per attaccare e la velocità di Zaha ci ha messo nei guai. Titolo? Fin dal primo giorno, Manchester City e Liverpool sono partiti un passo avanti a noi: quando sono arrivato, il distacco dalla prima era di 30 punti, è difficile pensare di poter recuperare questa lacuna in sei mesi. Dobbiamo migliorare ancora da un punto di vista tattico e difensivo. Morata? Deve giocare per i suoi compagni di squadra senza pensare al gol. Quello è la conseguenza delle prestazioni. Lui è un po' fragile dal punto di vista mentale, ma è molto giovane, credo fortemente nei suoi mezzi. Può migliorare molto velocemente. Ha un grande potenziale fisico e tecnico. Lui come Drogba? Quest'ultimo è stato uno dei migliori al mondo per 15 anni. Alvaro è molto veloce, non nei primi passi ma lo è se corre per 40 metri. E' forte, ma non come Drogba. Lui è un po' troppo".