86
Prosegue anche nella stagione 2019-2020 l’appuntamento della nostra rubrica SOS Arbitri con Massimo Chiesa. L'ex arbitro internazionale, in esclusiva ai microfoni di Calciomercato.com, mette sotto la lente d'ingrandimento i principali casi da moviola di ciascuna giornata di Serie A, gli aspetti positivi (ove vi siano) e assegna i voti agli arbitri del massimo campionato italiano. Di seguito il riepilogo degli episodi contestati nella quarta giornata di Serie A:



“Turno incoraggiante di Serie a per gli arbitri. Doveri ha arbitrato bene il suo primo derby di Milano, mi ha positivamente sorpreso. Ottima anche la direzione di Orsato in Atalanta-Fiorentina: ha fatto bene a fermare la gara per circa tre minuti  al 31' a causa di presunti cori di stampo razzista contro Dalbert che ha chiesto all'arbitro di intervenire. È sicuramente il turno con meno errori arbitrali dall'inizio del campionato”.

VOTI E GIUDIZI AGLI ARBITRI della quarta giornata (SENZA L’AUSILIO DEL VAR):

Atalanta-Fiorentina: Orsato 7 (Var Aureliano, aVar Tegoni). "Ottima direzione dell'arbitro. Una menzione va fatta anche per il Var Aureliano: non era facile accorgersi del tocco col braccio di de Roon sul momentaneo gol del 2-2 di Pasalic (poi annullato) e serviva coraggio per segnalarlo a Orsato. Ottimo esempio di utilizzo del Var". 

Bologna-Roma: Pairetto 6 (Var Calvarese, aVar Schenone). “Al 53’ Pairetto concede il rigore al Bologna per il contatto tra Kolarov e Soriano: la sua valutazione è che il giocatore del Bologna abbia anticipato di un soffio il terzino della Roma, Calvarese al Var conferma. All’85’ Mancini colpisce con una sbracciata Santander al limite dell'area della Roma: decisione corretta. Al 94’ corretto punire con la punizione che avvia l’azione del 2-1 di Dzeko l’intervento scomposto di Santander su Juan Jesus”. 

Cagliari-Genoa: Manganiello 6,5 (Var Chiffi, aVar De Meo).

Juventus-Verona: La Penna 6,5 (Var Di Bello, aVar Alassio). "Al 17’ Cristiano Ronaldo e Faraoni a contatto nell'area di rigore del Verona, CR7 chiede il rigore: giusto non concedere il penalty. Al 19’ Demiral travolge Di Carmine: evidente il rigore per il Verona, così come quello assegnato a Cuadrado, steso al 48’ da Gunter".

Lazio-Parma: Abisso 6 (Var Massa, aVar Liberti). 

Lecce-Napoli: Piccinini 6 (Var Pasqua, aVar Cecconi). "Corretta la ripetizione del rigore per il Napoli: Gabriel si muove prima del tiro, per le nuove regole la decisione è giusta". 

Milan-Inter: Doveri 7 (Var Irrati, aVar Carbone). "Al 23’ Calhanoglu segna, ma il gioco è già gioco fermo: Doveri ha fischiato, punendo il tocco col braccio di Kessie. Tocco del tutto involontario - la palla sbatte sul gomito del giocatore del Milan dopo il tentativo di rilancio di Asamoah -, e con il braccio aderente al corpo, ma decisivo nell’azione che porta poi al gol. In base al nuovo regolamento la decisione è corretta. Al 35’ segna Lautaro, dopo la respinta di Donnarumma sulla rovesciata di D’Ambrosio, segnalato in fuorigioco dall’assistente Ranghetti. Corretta la chiamata del Var. Al 49’ rete di Brozovic dalla distanza (con deviazione), ma l’assistente Lo Cicero segnala il fuorigioco di Lautaro. Bravo il Var Irrati a richiamare al monitor Doveri, che convalida: Lautaro non è coinvolto nell'azione e non interferisce su nessun avversario".

Sampdoria-Torino: Giacomelli 6 (Var Mazzoleni, aVar Paganessi). "Mazzarri protesta per l'1-0 che decide il match di Marassi, ma il gol della Sampdoria è regolare: Depaoli prima e Gabbiadini poi non commettono fallo rispettivamente su Ola Aina e Lyanco".

Sassuolo-Spal: Mariani 6 (Var Abbattista, aVar Peretti).

Udinese-Brescia: Valeri 5,5 (Var Guia, aVar Mondin). "Decisamente troppo gli otto cartellini gialli estratti dall'arbitro per questo tipo di partita".