346
Prosegue anche nella stagione 2019-2020 l’appuntamento della nostra rubrica SOS Arbitri con Massimo Chiesa. L'ex arbitro internazionale, in esclusiva ai microfoni di Calciomercato.com, mette sotto la lente d'ingrandimento i principali casi da moviola di ciascuna giornata di Serie A, gli aspetti positivi (ove vi siano) e assegna i voti agli arbitri del massimo campionato italiano. Di seguito il riepilogo degli episodi contestati della 31a giornata di Serie A:



VOTI E GIUDIZI AGLI ARBITRI della 31a giornata (SENZA L’AUSILIO DEL VAR):

Lecce-Lazio: Maresca 6 (Var Abisso). "​Al 2’ Mancosu trova il gol dell'1-0. Il check del Var Abisso manda però l’arbitro Maresca al monitor: giusta chiamata perché c’è un netto tocco col braccio aperto del leccese. Al 50’ Maresca indica il dischetto dopo un intervento scomposto col braccio aperto di Patric. Maresca rivede il braccio al Var che aumenta lo spazio e conferma il penalty: decisione giusta, il Var poteva anche non intervenire in questo frangente".

Milan-Juventus: Guida 6 (Var Giacomelli). "La direzione di gara complessivamente è sufficiente, perché il match aveva un alto coefficiente di difficoltà. ​L'uso eccessivo del Var ha portato al rigore - generoso - assegnato al Milan. Al 59’ davanti alla porta bianconera c'è un duello Rebic-Bonucci. Guida vede fallo del milanista e gli mostra il giallo per proteste. Interviene il Var a mostrare all'arbitro che il croato colpisce di petto, Bonucci tocca invece la palla col gomito. Penalty generoso, come tanti altri dati nelle ultime giornate e complessivamente in questa stagione. Così si snatura il gioco del calcio, il difensore della Juve stava andando a contrasto e il braccio non era largo: Bonucci non fa nulla per colpire il pallone col gomito. Il Var sta diventando la moviola in campo".

Fiorentina-Cagliari: Manganiello 6 (Var Pairetto).

Genoa-Napoli: Mariani 6 (Var Calvarese). "A Marassi il Var toglie un gol a Elmas. Nell’azione, all'arbitro sfugge il mani di Manolas che viene prontamente segnalato da Calvarese e che, per la solita regola che verrà ridiscussa nella prossima stagione, annulla la rete". ​
Atalanta-Sampdoria: Giua 6 (Var Nasca). "Sembra non esserci l’angolo da cui nasce al 75’ il gol di Toloi (le immagini televisive non danno la certezza assoluta). Il Var però in questi frangenti non può intervenire, il protocollo non lo provede".​

Bologna-Sassuolo: Forneau 5,5 (Var Pasqua). "Mihajlovic lo manda a quel paese: giusta l'espulsione. Serve più esperienza, poteva ammonire qualche giocatore in più nel corso del match".

Roma-Parma: Fabbri 5 (Var Mazzoleni). "Cornelius entra nell’area della Roma tagliando la corsa di Cristante che lo sbilancia: giusto concedere il penalty e ammonire il giallorosso dopo l'intervento del Var. Al 73’ Mazzoleni nuova chiamata: al monitor si vede il braccio aperto di Mancini sul colpo di testa di Kucka. Clamoroso l'errore di Fabbri che non concede un calcio di rigore solare per il Parma. Grida vendetta il mancato fischio".

Torino-Brescia: Doveri 6 (Var Massa).

Spal-Udinese: Chiffi 6 (Var Valeri).

Verona-Inter: Irrati 6 (Var Orsato). "Proteste nerazzurre, che chiedono il secondo giallo ad Amrabat: fa bene Irrati a non espellere il giocatore del Verona. Nessun intervento è da seconda ammonizione e conseguente rosso".