6
Prosegue anche nella stagione 2020-2021 l’appuntamento della nostra rubrica SOS Arbitri con Massimo Chiesa. L'ex arbitro internazionale, in esclusiva ai microfoni di Calciomercato.com, mette sotto la lente d'ingrandimento i principali casi da moviola di ciascuna giornata di Serie A, gli aspetti positivi (ove vi siano) e assegna i voti agli arbitri del massimo campionato italiano. Di seguito il riepilogo degli episodi contestati della 31a giornata di Serie A:


VOTI E GIUDIZI AGLI ARBITRI della 31a giornata:

Atalanta-Juventus: Orsato 7 (Var Fabbri). “Grande partita di Orsato. Al 5’ Cuadrado tampona di spalla Muriel già in caduta: non è abbastanza per concedere un calcio di rigore”.

Bologna-Spezia: Piccinini 6 (Var Manganiello). “Corrette tutte le decisioni prese dall’arbitro. Al 10’ del primo tempo Bastoni sbaglia il movimento del corpo e impatta nettamente in area con il braccio destro sul pallone in un maldestro tentativo di recupero. Il difensore neanche protesta, rigore netto per il Bologna”.

Cagliari-Parma: Valeri 6 (Var La Penna). “Giuste le ammonizioni, partita tosta da gestire. Condivisibile la scelta sul rigore assegnato e poi tolto. Negli episodi importanti non sbaglia”.

Crotone-Udinese: Massimi 6,5 (Var Nasca). “Gara arbitrata veramente bene, si è preso le sue responsabilità. De Paul non affonda e piega la gamba, ma l’intervento su Molina è da rosso. Potenzialmente è molto pericoloso, espulsione sacrosanta. Arbitro in crescita costante”.
Lazio-Benevento: Ghersini 6 (Var Banti). “Tante chiamate del Var, ma Ghersini ne esce bene. Tutti giusti gli interventi dell’arbitro. Al 10’ l’assistente segnala un fuorigioco di Immobile nell’azione che porta all’autogol di Depaoli, ma su lancio di Correa la posizione dell’attaccante della Lazio è regolare: gol valido. Al 36’ rigore per la Lazio: Correa cerca di scavalcare Montipò in uscita bassa con un pallonetto, il portiere colpisce la sfera ma nello slancio travolge l’argentino. Rigore corretto, il Var conferma. È proprio Banti al Var a richiamare al 55’ Ghersini per andare a rivedere il contatto falloso tra Gaich e Milinkovic nell’area del Benevento: l’intervento dell’attaccante argentino è scomposto, Ghersini concede giustamente il penalty. Ed è sempre il Var al 66’ a indurre all’annullamento del gol di Lapadula: sul cross dalla sinistra c’è un fallo di Caldirola su Immobile che vanifica la rete del giallorosso. Tanti episodi, tutti valutati correttamente da arbitro e Var”.

Milan-Genoa: Calvarese 6 (Var Chiffi). “Nessun tipo di problema, ordinaria amministrazione”.

Napoli-Inter: Doveri 7 (Var Mazzoleni). “Partita dall’altissimo coefficiente di difficoltà, diretta molto bene dall’arbitro Doveri. All’81’ l’episodio principale del match: nell’area dell’Inter, Zielinski va a terra dopo un contatto con de Vrij. Inizialmente Doveri indica il dischetto, subito dopo vede l’indicazione del fuorigioco del secondo assistente e chiama l’offside togliendo il rigore. Il Var Mazzoleni verifica che la posizione è regolare e lo manda al monitor per rivedere l’episodio. Doveri - che al momento in cui aveva valutato il contatto era stato urtato involontariamente da Fabian Ruiz - rivede l’episodio e toglie il rigore perché de Vrij colpisce in pieno la palla. Andando a rivederlo, prende la decisione corretta. Riprende il gioco con una rimessa da parte sua perché il pallone era in gioco”.

Sampdoria-Verona: Dionisi 7 (Var Di Bello). “Un’altra partita arbitrata molto bene, corretto il rigore concesso alla Samp: Tameze da dietro travolge Keita. Thorsby di nuovo anticipa di testa e si prende un gol regolare, mentre settimana scorsa gli era stata annullata una rete molto simile contro il Napoli”.

Sassuolo-Fiorentina: Aureliano 6,5 (Var Pairetto). “Gara diretta in modo più che positivo da Aureliano. Corretti entrambi i rigori assegnati al Sassuolo: nel primo Dragowski sfiora il pallone (cambia rotazione), ma poi colpisce in pieno Berardi sul piede destro. Giusto assegnare il penalty, come nel caso del secondo rigore: Pezzella entra in ritardo su Raspadori che lo anticipa sul pallone con la punta del piede”.

Torino-Roma: Massa 5 (Var Guida). “Esagerata l’espulsione di Diawara. La seconda ammonizione ci poteva stare per il fallo ai danni di Zaza al limite dell’area mentre la prima no: è il giocatore della Roma a subire il fallo al 74’. Troppo severa la decisione presa dall’arbitro Massa in questo caso”.