393
Sono ore estremamente concitate a Barcellona, a due giorni di distanza dalla disfatta epocale in Champions League per mano del Bayern Monaco. Quella di domani sarà una giornata importante, perché saranno definiti gli esoneri dell'allenatore Quique Setién e del responsabile dell'area tecnica Eric Abidal, ma l'attenzione di tutta la galassia blaugrana è rivolta al futuro di Leo Messi, sul quale si addensano nubi sempre più cupe. E a seminare il panico presso i tifosi catalani ci ha pensato anche il collega brasiliano di Esporte Interativo Marcelo Bechler che, citando fonti interne al club, ha reso pubblica la volontà della Pulce di lasciare il Barcellona già nella prossima finestra di mercato.

VIA SUBITO - Non nell'estate del 2021, quindi, momento nel quale sarebbe esercitabile una clausola presente nel suo contratto per liberarsi a costo zero. La frattura col presidente Bartomeu e larghi settori della dirigenza viene considerata insanabile e le incertezze legate alla convocazione di nuove elezioni - l'attuale presidente dovrebbe presentare le proprie dimissioni prima di indirle e ad oggi non c'è questa volontà con la nuova stagione già alle porte - rimanderebbero quella rivoluzione considerata necessaria da Messi e dagli altri senatori dello spogliatoio per rilanciare una squadra che ha toccato il fondo con l'incredibile 2-8 subito contro il Bayern. Il 6 volte Pallone d'oro sarebbe dunque pronto a fare le valigie e a rilanciare la propria carriera altrove e le suggestioni su un suo approdo in Italia e nello specifico all'Inter vengono ulteriormente alimentate.
GLI INDIZI - Messi rappresenta per la famiglia Zhang un sogno, quasi un'ossessione, oltre allo strumento più efficace per portare a livelli globali la popolarità del marchio Suning e ovviamente quello dell'Inter. I primi indizi, con l'immagine stilizzata del campione argentino ritratta sul Duomo in occasione della presentazione del match contro il Napoli dello scorso 28 luglio per la tv cinese, la notizia degli investimenti immobiliari a Milano prima del padre Jorge e poi dello stesso Messi hanno dato nuovo vigore ai rumors su quella che resta ad oggi un'operazione difficilissima, ma che anche in Spagna iniziano a non considerare più impossibile. La crisi esplosa in maniera fragorosa al Barcellona ha fatto il resto e chissà che, in occasione del prossimo vertice tra Antonio Conte e Steven Zhang per fare il punto sul futuro in nerazzurro del tecnico, non spunti sul tavolo anche il nome di Leo Messi.