Commenta per primo

Una boccata d'ossigeno. Lazio batte Cagliari 2-0 con i gol di Klose e Candreva (rigore) e allevia per ora la crisi dell'ultimo periodo. Primo tempo bruttino, con i biancocelesti a tentare di costruire e i rossoblù a ripartire. Un'occasione importante per parte: al 27' Ibarbo, a due passi da Marchetti, viene fermato da un recupero lampo di Novaretti; due minuti più tardi Perea di testa sfiora la traversa sul cross dalla destra di Candreva. Stesso copione in avvio di ripresa, ma la Lazio ha un Klose in più. Al 53' su cross di Candreva il tedesco sorprende di testa Agazzi, al 55' con un’azione personale interrotta da Pisano con un fallo di mano in area ottiene un rigore, trasformato dal numero 87 spiazzando Agazzi. Il Cagliari prova a rispondere ma i maggiori pericoli arrivano soprattutto da palle inattive: all'87' Conti su punizione costringe Marchetti alla respinta, Nainggolan ribatte ma sfiora il palo sinistro. Game over all'Olimpico, in attesa del turno infrasettimanale con le sfide Milan-Lazio e Cagliari-Bologna.

LAZIO

Il terzino e capitano della Lazio, Stefan Radu: ‘Questi tre punti arrivano al momento giusto. Dobbiamo dare di più, basta che dai il 20-30 per cento in più e si risolvono i problemi, non riesco a dare una risposta sul perché non lo facciamo sempre. L'anno scorso a quest’ora eravamo a 15 punti, ora siamo a 14, lavorando piano piano e con la tranquillità per fare quello che vogliamo non abbiamo problemi. Ci serve più cattiveria, abbiamo ragazzi nuovi in squadra non abituati a questa pressione. Fisicamente, dopo quattro-cinque giorni di campo e due mesi di stop, sto bene. Il rapporto con Petkovic? Abbiamo un grandissimo rapporto con lui, lo dico sinceramente. La fascia da capitano? Sono diventato vecchio!’

CAGLIARI

Il centrocampista del Cagliari, Radja Nainggolan: ‘Secondo me è stata una partita equilibrata, perché penso che il Cagliari abbia giocato meglio nel primo tempo, e se sfruttavamo meglio un paio di contropiede potevamo andare in vantaggio, purtroppo se non segni è dura vincere. Siamo usciti un po' molli dagli spogliatoi, magari oggi questo ci ha fatto perdere la partita. Dopo i due gol della Lazio uno dietro l'altro ci siamo ritrovati un po' in difficoltà. Se fossimo andati in vantaggio sarebbe stata un'altra cosa, perché loro avrebbero dovuto attaccare, magari potevamo sfruttare altri contropiede. La Lazio è comunque una squadra che lotta sempre per qualcosa. La differenza oggi l'ha fatta Klose, è entrato ed è cambiata la partita. Il mio futuro? Ho sempre dato il massimo per il Cagliari, continuerò a farlo, anche se le voci fanno sempre piacere. Sto continuando a lavorare e spero in una chiamata per il Mondiale’