Commenta per primo

Il Livorno soffre, gioca e vince. La squadra amaranto di Davide Nicola riesce con un gol per tempo a regolare la pratica Vicenza e a mantenere quindi il secondo posto con una lunghezza di vantaggio sul Verona, supervittorioso ad Ascoli. I biancorossi di Dal Canto entrano in campo determinati, con la volontà di mettere in difficoltà l'attrezzata formazione di casa, inserendo fin dall'inizio Malonga sostenuto da Bellazzini e Semioli. Il Livorno risponde con il suo ormai consueto 3-4-1-2, con Belingheri a sostegno di Paulinho e Dionisi. Il primo tempo è tutto di marca amaranto e il risultato si sblocca al 4'. Belingheri chiama lo schema su punizione, Gentili nel tentativo di fermarlo stende Paulinho e Ostinelli decreta il penalty. Dionisi è freddo dal dischetto e realizza il suo dodicesimo centro stagionale (1-0). Nel giro di venti minuti gli amaranto confezionano altre due occasioni: un colpo di testa di Paulinho, di poco alto, e un tiro di Belingheri che però finisce sul fondo. Al 35' altro episodio chiave, con la barriera del Vicenza che respinge di mano una punizione avversaria. Altro rigore per gli amaranto, che però stavolta mandano Paulinho dal dischetto. Il brasiliano, che fino ad oggi ne ha messi tre su tre, tira angolato, ma Bremec intuisce e smanaccia sul palo. A inizio ripresa non succede niente di niente. Il sussulto arriva al 63' quando il Livorno trova il raddoppio. Schiattarella lascia andare un destro dal limite dell'area, la difesa ospite respinge e la sfera arriva a Bernardini che è anticipato di un attimo da Paulinho. Il brasiliano scaraventa in rete la palla del 2-0 e fa esplodere il 'Picchi'. Nel finale si fa vivo il Vicenza prima con Padalino, il cui tiro esce di un soffio, e poi con Bellazzini, che scalfisce la traversa. Nota negativa per gli amaranto l'infortunio di Duncan, uscito per un problema all'adduttore. Al triplice fischio finale tutto il Livorno sotto la Nord: la serie A sembra sempre più vicina.

LIVORNO

Il capitano del Livorno, Andrea Luci: 'Oggi abbiamo concesso veramente poco ai nostri avversari, probabilmente siamo tornati quelli di qualche tempo fa. Era tanto che non riuscivamo a fare una partita del genere e dopo la rete del 2-0 la gara di fatto si è chiusa. Ora c'è tanta voglia di giocare e fare il  più possibile per continuare a rincorrere questo sogno chiamato serie A. Il mio infortunio? Sto abbastanza bene, ho subito un colpo durante un contrasto e poi avevo anche i crampi. Ho preferito non rischiare'.

VICENZA

Il tecnico del Vicenza, Alessandro Dal Canto: 'Certamente speravamo di tornare a casa con un risultato positivo, ma dagli altri campi gli esiti non sono stati sfavorevoli per cui il nostro obiettivo non cambia. Manteniamo i nervi saldi e concentriamoci bene sulla gara con l'Empoli, che per noi sarà molto importante. Siamo nelle condizioni di dover guardare il lato positivo, per cui procediamo con ottimismo'.