Commenta per primo

Vince 2-1 nel recupero il Pavia di Alessio Pala, anche se un pareggio poteva apparire più corretto. Primo tempo di rara inconsistenza, emozioni e gol solo da calci da fermo. Savona in vantaggio al 21': Gentile anticipa bene sul primo palo la difesa pavese e insacca di testa. Pareggio immediato del Pavia: al 22' è Carraro a battere Aresti su rigore, concesso per fallo di mano di Maccarone. Nel secondo tempo le due squadre hanno il merito di provare a vincerla. La migliore azione della partita al 53': Carraro partendo da destra fa fuori mezza difesa savonese, ma davanti al portiere cerca un improbabile esterno destro e conclude alto. Il pareggio pare scritto, ma, al 91', arriva il gol vittoria del brasiliano De Cenco, che batte da pochi metri Aresti, dopo un errore difensivo del savonese Galuppo. Ultima emozione al 93', con Facchin che salva il risultato con un magnifico intervento in volo a smanacciare un colpo di testa di Grandolfo.

PAVIA

L'allenatore del Pavia, Alessio Pala: 'Il Savona è partito meglio e si vede che prepara molto bene le palle inattive. Noi invece abbiamo avuto una discreta tenuta difensiva, e non abbiamo mai sbracato e questo è il dato positivo. Il gol vittoria è arrivato un po' casuale, diciamo che lo prendiamo come un premio per i 40 giorni di preparazione molto intensa, ma c'è molto lavoro tecnico da fare, anche se la squadra mi dà disponibilità al sacrificio e questo è certamente importante. Abbiamo un buon equilibrio, diciamo che abbiamo lottato calcio, ma giocare è un'altra cosa. Dobbiamo migliorare nei fondamentali, anche se temperamento, corsa, voglia e disponibilità non sono mancate mai, nemmeno nella prima amichevole'.

SAVONA

L'allenatore del Savona, Ninni Corda: 'Sono tre partite che subiamo arbitraggi vergognosi, compresa la partita di Coppa Italia col Cittadella, adesso è il momento di dire basta. Il signor Sacchi è stato scandaloso, dovrebbe essere fermato due mesi. Siamo una squadra seria, che non è in Lega Pro, come si dice a Genova, per asciugare gli scogli. Noi vogliamo fare il nostro dovere, ma esigiamo rispetto. Abbiamo iniziato molto meglio noi, ma poi il signor Sacchi ha cambiato la partita con una decisione incredibile su un rigore inesistente. Purtroppo poi da parte nostra c'è stato l'errore nel finale che ha deciso la partita, ma non parlo dei singoli né nel bene né nel male'.