94
Nessuno come Suso in Europa. Nelle 11 partite disputate tra Serie A ed Europa League, ha già messo a referto ben 7 assist, collocandosi in vetta alla classifica dei primi cinque tornei europei. Un inizio di stagione, corroborato anche da 3 gol, che ha confermato l'importanza dello spagnolo per Gattuso. Jesus però è solo sesto nella graduatoria rossonera riferita agli stipendi dietro Higuain, Donnarumma, Bakayoko, Biglia e Romagnoli. Ecco perché nelle intenzioni del suo entourage c'è la volontà di ritoccare verso l'alto l'attuale ingaggio da 3 milioni di euro a stagione.

LA POSIZIONE DEL MILAN - Come già anticipato nei giorni scorsi (leggi qui), l'idea di Leonardo sarebbe quella di ridiscutere la questione legata alla clausola rescissoria da 38 milioni di euro valida solo per l'estero e con scadenza al 15 luglio. Questo perché le prestazione del folletto di Cadice hanno elevato il valore sul mercato e il Milan non vuole vedersi costretto a perdere un suo gioiello a un prezzo basso in relazioni a quelle che sono le attuali valutazioni in giro per l'Europa. Previsto un summit nelle prossime settimane con l'agente Alessandro Lucci per trovare una quadratura dal cerchio tra la richiesta del giocatore di veder migliorata la propria situazione economica e quelle del club di via Aldo Rossi che su Suso ha intenzione di puntare anche nel futuro.
CONTATTO CON IL CHELSEA - La principale insidia sul mercato arriva da Londra, sponda Chelsea. I blues stanno seguendo con grande attenzione la maturazione tecnica del numero 8 rossonero, profilo gradito al tecnico Sarri fin dalla sua esperienza sulla panchina del Napoli. Ma c'è dell'altro: secondo quanto appreso da calciomercato.com, una decina di giorni fa Lucci ha parlato di Suso con Marina Granovskaia, braccio destro di Roman Abramovich. Le parti si aggiorneranno nei prossimi giorni, in agenda c'è la possibile cessione di Davide Zappacosta (che fa parte della scuderia del noto agente) ma anche questa idea sempre più viva che riguarda l'attaccante nativo di Cadice.