Un primo tempo di paura e di dominio Juve, coronato dal bel gol di Kastanos, poi la riscossa dell'Inter firmata Manaj e Zonta, che segnano i gol del 2-1 nerazzurro che, dopo il colpaccio dello Juventus Stadium firmato da Bonetto, regalano la Coppa Italia Primavera ai ragazzi di Vecchi, a 10 anni di distanza dall'ultima volta. Un match spettacolare ed intenso come quello della scorsa settimana, in cui però la Juve non è riuscita ad avere la continuità di gioco per tutta la durata della gara e nella ripresa ha subito il ritorno di un'Inter molto più in palla sotto il profilo atletico e fermata da una serie di super parate del numero 1 bianconero Audero. Nel finale, brutta rissa che coinvolge diversi giocatori e anche i due allenatori.


PRIMO TEMPO - Al 14°, occasione per l'Inter con Manaj, che riesce a liberarsi al limite dell'area ma la sua conclusione termina fuori. Passano 3 minuti e la Juve risponde con la bella percussione di Kastanos, il cui tiro viene bloccato a terra da Radu. Al 19°, chance ghiottissima per Favilli, che sfrutta un rimpallo sugli sviluppi di un corner ma il portiere dell'Inter salva in uscita; un minuto più tardi Manaj protegge bene il pallone e poi conclude a lato di pochi centimetri. Al 25° altra opportunità per Favilli, il cui tentativo sorvola la traversa; al 28°, bella azione di Zonta sulla destra, che tocca all'indietro per Baldini, ma l'attaccante dell'Inter non trova la porta. Al 34°, la Juventus si porta in vantaggio col cipriota Kastanos, che raccoglie palla al limite e la piazza sul secondo palo. La risposta nerazzurra non si fa attendere, col contropiede che porta Manaj a calciare, ma il recupero di Romagna favorisce la parata di Audero.

SECONDO TEMPO - La ripresa si apre con la potenziale palla-gol per la Juve, con Favilli che al 47° non riesce a controllare il tocco dentro di Bove. I bianconeri si rendono nuovamente pericolosi con Macek un minuto dopo: il ceco raccoglie il tocco di Kastanos e dalla media distanza mette fuori di pochissimo. Bisogna aspettare fino al 62° per rivedere in attacco l'Inter, con Zonta che calcia appena dentro l'area, ma il suo tiro, deviato, esce di pochissimo. Tre minuti più tardi, Zonta ha ancora sul destro la palla del pareggio ma Audero è prodigioso nel chiudergli lo specchio di porta. L'assalto nerazzurro prosegue al 69° con la rovesciata di Kouame sugli sviluppi di un angolo, ma la palla sfila sul fondo. Al 73° si accende dal nulla Manaj, che entra di forza in area ma il suo sinistro termina alto. Gli sforzi dell'Inter vengono premiati al 76° con la grande giocata di Manaj, che riceve sulla sinistra, lascia sul posto tre avversari (Audero compreso) e deposita in rete. La Juve reagisce di forza e all'82° Radu stoppa il tentativo di Lirola, poi i bianconeri si lamentano per un possibile fallo da rigore non concesso per un presunto tocco di mano di Gnoukouri. L'Inter approfitta degli spazi che si creano in contropiede e Manaj va vicinissimo alla doppietta beneficiando di un rimpallo dopo l'azione di Pinamonti, ma Audero salva ancora. All'88° l'attaccante albanese si fa cacciare per doppia ammonizione dopo una caduta nell'area della Juve che l'arbitro punisce con la simulazione. Con la formazione di Grosso sbilanciata in avanti, al 94° arriva il gol che chiude i conti di Zonta, che approfitta dell'uscita di Audero e mette il pallone nella porta vuota.
 

Coppa Italia Primavera, San Siro

INTER-JUVENTUS 1-1 LIVE

Reti: 34' Kastanos (J), 76' Manaj (I)



FORMAZIONI UFFICIALI

INTER: 1 Radu; 2 Gyamfi, 5 Gravillon, 6 Della Giovanna, 3 Miangue; 7 Zonta, 14 Gnoukouri, 4 Bonetto; 20 Kouame, 9 Manaj, 10 Baldini.
A disposizione: 12 Pissardo, 21 Di Gregorio, 11 Delgado, 13 Popa, 16 De Micheli, 17 Sobacchi, 18 Pinamonti, 19 Rapaic, 22 Appiah, 23 Mattioli, 24 Bakayoko, 28 Tchaoule
Allenatore: Stefano Vecchi

JUVENTUS: Audero, Lirola, Blanco, Romagna, Zappa, Macek, Bove, Cassata, Kastanos, Favilli, Vadala.
A disposizione: Vitali, Del Favero, Coccolo, Severin, Beruatto, Toure, Didiba, Di Massimo, Parodi, Pozzebon, Pellini, Kean.
Allenatore. Fabio Grosso