1255
L'allerta Coronavirus in Italia influenza anche il mondo del calcio

19.30Rolando Maran, tecnico del Cagliari, parla alla vigilia della partita con la Roma: "Rinvio di cinque gare su dieci di Serie A? Parliamo di aspetti che vanno al di là del calcio, dispiace solo che queste gare siano state rinviate così tardi: questo può influire sul campionato, ma si tratta comunque di momenti in cui uno sportivo deve fare un passo indietro​". (LEGGI QUI TUTTE LE DICHIARAZIONI)

19.10Juve-Inter, che si sarebbe dovuta giocare domani sera a porte chiuse all’Allianz Stadium, è stata rinviata. Si giocherà regolarmente, invece, Juventus-Milan, n programma mercoledì sera sempre allo stadium. Lo ha confermato la Regione Piemonte al telegiornale regionale piemontese della Rai: “Piemonte, da lunedì via libera anche alle manifestazioni sportive. Juve-Milan confermata ma con divieto di accesso a tifosi ospiti”.​

18.45 - I tifosi dell'Atalanta hanno deciso di boicottare la trasferta di Lecce. (LEGGI QUI IL COMUNICATO)

18.30 - Il presidente del Coni Giovanni Malagò commenta la decisione della Lega di A di rinviare al 13 maggio le cinque gare inizialmente previste a porte chiuse, tra cui Juventus-Inter e Milan-Genoa: "In questo momento la salute dei cittadini è la priorità assoluta del nostro Paese. Di conseguenza tutto lo sport deve adeguarsi a questo stato d'emergenza e prendere decisioni, magari anche impopolari, ma in linea con le necessità di riportare tutti i settori della vita civile al più presto alla normalità​". (LEGGI QUI TUTTE LE DICHIARAZIONI)

16.55 - A rischio Sampdoria-Verona. Come riferisce il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti sui social, domani sarà presa una decisione. (LEGGI QUI).

15.00 - L'allenatore del Lecce, Fabio Liverani ha parlato in conferenza stampa per presentare la gara contro l'Atalanta, ma ha sottolineato come la scelta di rinviare le partite di Serie A sia, per lui, senza senso: "Come al solito in Italia si prendono alcune decisioni senza senso e logica, ritorna alla luce il lato oscuro del calcio che abbiamo provato a ripulire" (LEGGI QUI LE DICHIARAZIONI COMPLETE)

14.20 - Secondo quanto riportato da La Stampa il governatore del Piemonte sta per autorizzare la disputa della gara Juve-Milan di Coppa Italia in programma per mercoledì a Torino. Una gara che, se confermato, sarà a porte aperte, ma soltanto per i tifosi provenienti dal Piemonte (LEGGI QUI)

14.05 Il senatore Ignazio La Russa, tifoso nerazzurro, ha dichiarato a Radio Punto Nuovo: "Una vergogna rinviare Juventus-Inter, non a caso l'ha chiesto solo una delle due squadre. Capisco che la Juve è in un momento difficile, non me la prendo con loro che fanno i loro interessi, ma con chi ha deciso. Non può essere rinviata all'ultima domenica, il 13 maggio. Ho parlato con Lotito, sia Inter che Lazio sono arrabbiati per la situazione: non sono stati interpellati per la decisione. Propongo di far giocare tutto tra una settimana e di allungare il calendario. La proposta dell'Inter club Parlamento è se c'è questa problematica, di far slittare il campionato. Giocare a porte chiuse Napoli-Inter? Bisogna trovare una decisione che metta tutti sullo stesso piano". 

13.22 Oggi alle ore 15 la Fiorentina partirà da Udine per tornare a Firenze e allenarsi nel tardo pomeriggio.

13.15 Nel pomeriggio è atteso un rapporto aggiornato da parte del Comitato Scientifico. Sulla base dell'andamento dei dati aggiornati, per la parte sportiva si potrà ipotizzare un restringimento dei divieti alle tre regioni Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna, consentendo che le partite nelle altri regioni si svolgano a porte aperte a partire dalla prossima giornata. Vietando le trasferte alle tifoserie delle squadre provenienti dalle tre regioni Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna. 

13.11 Il Milan prende atto del rinvio della partita di domenica con il Genoa e delle altre quattro gare di questo fine settimana previste a porte chiuse per l'emergenza Coronavirus. "Ci atteniamo alle disposizioni di Lega Serie A e Governo, consapevoli dell'emergenza e nel rispetto della nostra tifoseria", è la linea che filtra dal club rossonero. ​
13.10 Il ministro dello sport, Vincenzo Spadafora ha espresso soddisfazione per la collaborazione che in queste ore è stata dimostrata da Coni, Figc e Leghe Calcio per il rinvio delle partite nelle zone a rischio e inizialmente previste a porte chiuse. Sempre secondo quanto appreso dall'Ansa, in particolare il ministro ha apprezzato la decisione della Lega Serie A, che ha stabilito il rinvio delle partite inizialmente previste a porte chiuse: poter far svolgere queste partite alla presenza del pubblico garantirà lo spettacolo e la giusta partecipazione dei tifosi. 

13.01 Dopo una serie di accertamenti, la Pianese (serie C) comunica che un quarto calciatore risulta contagiato dal Covid-19. Anche lui è in isolamento presso la propria abitazione ed è sotto osservazione da parte delle autorità competenti. 

12.57 In occasione della gara Lazio-Bologna, che si disputerà oggi alle ore 15 allo Stadio Olimpico di Roma, la S.S. Lazio comunica che, come da disposizioni della Lega Serie A, gli operatori dell'informazione e i giornalisti dovranno accomodarsi in tribuna stampa e non potranno accedere alla mixed zone. In ottemperanza alle misure adottate dal Consiglio dei Ministri per l'emergenza Coronavirus, infatti, non sarà effettuata attività di comunicazione all'interno dell'area sopracitata. In merito alle ultime indicazioni precauzionali di carattere sanitario, di evitare per quanto possibile la permanenza a lungo in luoghi chiusi di un elevato numero di persone, si consiglia di non accedere alla media working area attigua alla sala stampa. Il Club informa che i giornalisti accreditati potranno dunque continuare a svolgere la propria attività in tribuna stampa anche al termine della gara. Come di consueto, i fotografi accreditati potranno effettuare il proprio lavoro a bordo campo. ​

12.30 - Nonostante l'emergenza sia crescente in tutti gli stati europei non si fermano i campionati esteri. La Liga e la Bundesliga non apportano variazioni, resta rinviato il campionato svizzero.

12.05 Visto l’articolo 1. co. 1 lett. A) del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 25 febbraio 2020 “Ulteriori disposizioni attuative del decreto- legge 23 febbraio 2020, n. 6, recante misure urgenti in materia di contenimen-
to e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19”;
considerato il susseguirsi di numerosi interventi normativi urgenti da parte del Governo per rispondere a questa straordinaria emergenza a tutela della salute e della sicurezza pubblica;
il Presidente della Lega Nazionale Professionisti Serie A comunica che sono rinviate le seguenti gare della 7^ giornata di ritorno del Campionato di Serie A TIM, inizialmente previste a porte chiuse come da Comunicato Ufficiale n. 191 del 27 febbraio 2020:
JUVENTUS – INTER
MILAN – GENOA
PARMA – SPAL
SASSUOLO – BRESCIA
UDINESE – FIORENTINA
La data di recupero delle predette gare è fissata per il giorno mercoledì 13 maggio 2020.
La Finale di Coppa Italia sarà conseguentemente programmata per il giorno mercoledì 20 maggio 2020.

11.32 In relazione alla gara Milan-Genoa che si disputerà a porte chiuse
domenica 1 marzo alle 12.30, AC Milan comunica che gli operatori dell'informazione (fotografi e giornalisti) come da disposizioni della Lega Calcio dovranno accomodarsi in tribuna stampa (secondo anello rosso) e non avranno accesso ad altre aree dello stadio. In ottemperanza alle misure adottate da governo e Regione Lombardia per l'emergenza Coronavirus sarà chiuso il Media Center e non verrà effettuata attività di comunicazione né in sala conferenze con gli allenatori né all'interno della mix zone. Sarà cura dell'Ufficio Comunicazione del Milan raccogliere le domande dei giornalisti da rivolgere al tecnico Stefano Pioli, la cui intervista verrà trasmessa live sul canale tematico Milan TV, contemporaneamente anche sul maxischermo dello stadio e sarà successivamente caricata sulla APP ufficiale di AC Milan. La tribuna stampa verrà chiusa un'ora dopo la fine della partita. ​

11.31 L'ex presidente nerazzurro Massimo Moratti ha dichiarato in un'intervista a La Repubblica: "Juventus-Inter a porte chiuse, un rammarico da tifoso? Assolutamente no, decisione giusta". 

10.15
La Svizzera ha rinviato tutta la giornata del campionato di calcio a data da destinarsi, seguendo l'indicazione del governo federale elvetico di sospendere tutte le manifestazioni con più di mille persone. 

9.57 Previste martedì 3 marzo, Atalanta-Lione e Inter-Rennes in Youth League saranno rinviate al 10 o all'11 marzo. Slitta a lunedì la decisione su Juventus-Real Madrid di mercoledì 4 marzo: probabile il rinvio. 

9.45 Juventus-Inter a rischio rinvio. Ieri il presidente federale Gravina ha fatto presente al ministro dello sport Vincenzo Spadafora e al numero 1 del Coni, Giovanni Malagò che giocare il derby d'Italia domenica sera a porte chiuse sarebbe un brutto stop per il calcio italiano davanti a 170 paesi collegati, generando grossi danni economici e d'immagine. Tuttavia per ora la Serie A rimane ferma alla decisione di giovedì sera, con altre quattro partite senza pubblico: Milan-Genoa, Parma-Spal, Sassuolo Brescia e Udinese-Fiorentina. In ogni caso, non ci sarà la diretta tv in chiaro. In Serie B a porte chiuse Cittadella-Cremonese, Chievo-Livorno, Venezia-Cosenza e Virtus Entella-Crotone. In Serie C stop ai gironi A e B. 

Oggi il governo si confronta con la commissione scientifica e le regioni: secondo la Gazzetta dello Sport, da questo dialogo dipenderanno le scelte della Lega di Serie A, l'autorità titolata per prendere la decisione finale. ​Intanto nel Consiglio dei Ministri di ieri che si è protratto fino a notte è passata la linea di Lombardia, Emilia-Romagna e Veneto: misure di contenimento e stadi a porte chiuse nelle regioni toccate dal Coronavirus per altri sette giorni, possibile il blocco alle trasferte dei tifosi in tutta Italia. 

Juve-Inter
: cerimoniale di gara senza bambini ad accompagnare le due squadre in campo, con eccezioni di accesso fatte esclusivamente per giocatori, staff tecnici, dirigenti e ufficiali di gara, ispettori federali, delegati della Lega di A, medici antidoping e rappresentanti della commissione federale antidoping. Con loro anche operatori sanitari e di pubblica sicurezza, steward e vigili del fuoco secondo le indicazioni approvate dal Gos. Sul fronte dei media, invece, saranno ammessi gli operatori tv e i reporter delle emittenti titolari dei diritti di trasmissione live, un fotografo e un social media manager per ciascuna società e gli operatori dell'informazione preventivamente autorizzati e non superiori a 150 unità. Salta la conferenza stampa pre-partita di Sarri, prevista per oggi, così come le interviste in zona mista di domani.