Commenta per primo
Ecco le dichiarazioni di stasera del direttore sportivo della Fiorentina, Pantaleo Corvino a Platinum: "Il mercato allenatori quest'anno offriva poco, non c'erano nomi che avrebbero messo a tacere tutti e allora ho dovuto capire se c'era uno da Fiorentina allo stato potenziale... Alla fine ho scelto tra due allenatori... Certo qualche rischio lo corri, ma con i tecnici sono stato fortunato, ho avuto 36 allenatori e solo una volta ho esonerato qualcuno, fu Cavasin ma chiese lui di andarsene.... Portai Delio Rossi a Lecce dopo quattro esoneri, mi fecero le petizioni per non portarlo... portai Zeman dopo otto esoneri e dopo l'anno con me ne ebbe altri cinque, l'unico anno che finì fu con me.. Se prendo un allenatore è perchè ci credo, altrimenti sarei andato all'estero, ma ho trovato in Italia, lo difenderò perchè ci credo... Non stiamo ai massimi a livello di entusiasmo perchè con questi risultati si può fare solo peggio... L'addio di Prandelli da parte della società? Aspetto che rientri Prandelli e anche Cognigni e Mencucci, poi con la risposta di Prandelli faremo quel che dice il protocollo.... dopo aver risolto questo faremo un summit per salutarci e brindare e per quel che abbiamo fatto... Sono sempre andato d'accordo con Prandelli e non è mai stato vero che Prandelli non era d'accordo sui miei acquisti... Se torna Della Valle presidente? Mi auguro di si... Dico una cosa sugli striscioni che accusare i Della Valle di Tangentopoli sapendo quel che ha fatto la famiglia Della Valle per tutelare la Fiorentina dico... beh che sono sbagliati, poi se uno dice che se ne devono andare può farlo... Vargas può restare? Dipende da lui... A Mihajilovic regalerò un centrocampista...." "Sono rimasto spiazzato dalla vicenda Prandelli. Sono serio, ero sincero quando dicevo di scommettere sulla permanenza di Prandelli ma ho sbagliato comunque a fare quel pronostico e sono pronto a rimborsare chi ha davvero scommesso.... Il presidente mi ha detto ci ha chiamato Abete e Andrea mi ha chiesto se mi andava bene liberarlo, siccome chiama la Nazionale un presidente non può dire no... Mutu e Jovetic sono due seconde punte e uno dei due va sacrificato, ho detto che Jovetic è il nostro futuro e noi puntiamo su di lui.... io Mutu non è che lo regalerò, questo deve essere chiaro... Il nuovo mister? Ho avuto l'ok dallo stesso Prandelli e quindi mi sono messo a cercare un altro allenatore... Il mercato di gennaio? A gennaio non potevo prendere giocatori da 3 o 4 milioni di ingaggio, quelli ci avrebbero fatto fare il salto di qualità, ma avevo un monte ingaggi da rispettare... Con Mihajlovic ho avuto un contatto telefonico ho preso un appuntamento a casa sua a Roma e ci siamo incontrati, poi è arrivata la notizia della morte di suo padre e tutto è stato rimandato..." Se mi aspettavo un no di Prandelli alla Figc? Io ho il coraggio di rimanere e non mi tiro indietro sapendo che è difficile ripetere i risultati di questi anni, adesso rimango io con la mia proprietà e la società... rispetto a cinque anni fa non c'è più l'entusiasmo dell'ambiente... chi rimane avrà l'ingrato compito anche di subire certe cose, io ci sono, sono in trincea... Adesso si chiude un ciclo... Un disimpegno dei Dv? La nostra proprietà vuole continuare ad impegnarsi in maniera sempre più forte per fare una squadra competitiva, questo tenendo conto di un bilancio sano tenendo conto che parte dietro quelle famose quattro, questo fino a che non ci saranno altre risorse per essere competitivi anche con quelle quattro... se ci saranno date le strutture lotteremo anche per i traguardi importanti... Il budget che ho a disposizione? Il mercato a volte ti richiede di essere pronto, certo autoalimentandosi, ma dico che non ci stiamo ridimensionando... insomma a volte devo intervenire sul mercato quanto prima e allora io ho detto all'ad che magari prima di cedere in questo mercato potrei dover comprare e mi è stato autorizzato...".