Calciomercato.com

CR7, il Newcastle, la Supercoppa, i Mondiali 2030 e lo 'sport washing': l'Arabia Saudita a gamba tesa sul calcio

CR7, il Newcastle, la Supercoppa, i Mondiali 2030 e lo 'sport washing': l'Arabia Saudita a gamba tesa sul calcio

  • Alessandro Di Gioia
I rumors che arrivano dalla Spagna sono fragorosi, ma al centro, come spesso accade ultimamente, c'è l'Arabia Saudita: Cristiano Ronaldo, lo svincolato di lusso del mercato di gennaio, è pronto a diventare il testimonial degli sceicchi del Regno, che hanno deciso di stanziare 200 milioni di euro complessivi per vederlo giocare nell'Al Nassr, uno dei principali club del Paese, a secco di titoli nazionali dal 2019.

IL PIU' PAGATO AL MONDO E IL TESTIMONIAL DEI MONDIALI 2030 - 119 milioni all'anno per due anni e mezzo con i bonus il contratto del portoghese che arriveranno a 200 milioni a stagione: CR7 diventerà l'atleta più pagato al mondo e troverà altri ex calciatori di campionati europei, come David Ospina, Luiz Gustavo, Vincent Aboubakar e Talisca, oltre al tecnico ex Roma Rudi Garcia. L'obiettivo in realtà è però molto più ampio e coinvolge interessi superiori, come l'assegnazione dei Mondiali del 2030 all'Arabia Saudita, con il Principe della corona Mohammad bin Salman Al Sa'ud che ha deciso di renderlo testimonial della manifestazione.

LA COPPA D'ASIA. LE ORME DEL QATAR E LO 'SPORT WASHING' - I progetti da parte del Regno arabo sono ben chiari: dopo l'exploit sul campo in Qatar con la vittoria contro l'Argentina di Leo Messi e l'assegnazione ufficiale a scapito dell'India della Coppa d'Asia del 2027, la volontà è quella di ripercorrere le orme del Qatar, ma più in grande. Un fenomeno di "sport washing" ben delineato: tramite lo sport e il calcio, in questo caso, si cerca di rendere un'immagine edulcorata e rosea di uno stato che in realtà cela grandi contraddizioni e in generale poco o nessun rispetto per i diritti umani.

PIF NEL NEWCASTLE, LA SUPERCOPPA ITALIANA  I prodromi sono già scattati. L'investimento da parte di PIF nel Newcastle: il passaggio di proprietà da Mike Ashley al Fondo per gli investimenti pubblici dell'Arabia Saudita per l'80% delle quote, con il consorzio legato alla famiglia reale di Riyad che ha reso il club inglese il più ricco del mondo. Un altro progetto da parte del governo regio è quello di continuare a ospitare la Supercoppa italiana, con una formula allargata a 4 squadre, stile quella spagnola. Insomma, l'Arabia Saudita vuole entrare a piedi uniti e a suon di milioni nel mondo del pallone, e con Infantino presidente della Fifa le possibilità si allargano in maniera esponenziale.. 

@AleDigio89

Altre notizie