18
La corte di Cassazione ha emesso le sentenze che chiudono, seppur parzialmente, il processo per il crack del gruppo societario Cirio: per il banchiere Cesare Geronzi condanna a 4 anni, 3 dei quali della sono coperti da indulto. L'ex patron della Lazio Sergio Cragnotti invece dovrà essere processato di nuovo: annullata con rinvio la sua condanna a otto anni e otto mesi.

LE PAROLE DELL'AVVOCATO - "Si tratta di un risultato straordinario per Cragnotti e i suoi famigliari. Come difensori siamo molto soddisfatti perché la Corte d’Appello dovrà rivalutare tutta la vicenda a partire dal capo principale", ha detto l’avvocato Massimo Krogh, legale dell’ex patron della Lazio, commentando la sentenza della Suprema corte. Gioisce dunque Sergio Cragnotti, che già in appello aveva ottenuto uno sconto della condanna per bancarotta distrattiva a nove anni che gli era stata inflitta in primo grado.