19
La buonanotte è la satira. Un genere letterario antichissimo e fondamentale per far riflettere il popolo sulle malefatte del Potere. Il re nudo è un esempio classico. Non è facile fare satira seriamente. I dilettanti scadono nella volgarità. Anche i professionisti, talvolta, tracimano. Accadde tre anni fa, in occasione della tragedia di Amatrice con tutti i suoi morti uccisi dal terremoto. La rivista francese Charlie Hebdo uscì con in copertina una vignetta politico-culinaria che provocò la reazione giustamente indignata di tutto il mondo. Da una certa intellighenzia non ci si aspettava un simile sfondone. Quando poi a tentare di fare satira sono incompetenti fanatici il disastro è totale.

A Pontida, nel corso del raduno leghista, dal forno sono uscite le pizze “Sea Watch” e “Aquarius”, piuttosto che le tradizionali “Margherita” e “Napoli”. Greve ironia sui disperati del mare. Un’altro chef impazzito, poi, ha completato l’opera in Sicilia. Nel menù turistico “spaghetti alla Cosa  Nostra” e “pennette alla Mafia”. Il momento è questo, purtroppo. I politici con le loro giravolte da saltimbanchi hanno ridotto l’immagine del Paese a quella di un circo. Il cattivo esempio dilaga. Fare un passo indietro si può. Si deve. Buonanotte e fate sogni colorati.

Ascolta "Dalla pizza 'Aquarius' alle 'pennette alla Mafia': quando lo chef impazzisce" su Spreaker.