7
La Carrarese è stata tra le grandi protagoniste della giornata di C e non solo per quanto accaduto sul campo da gioco. Il tecnico della squadra, Silvio Baldini, si è reso protagonista di una conferenza stampa già divenuta virale, nella quale si è scagliato, senza usare mezzi termini, contro l’amministrazione comunale, rea di aver più volte spinto la squadra, per altro senza successo, a giocare lontano da Carrara a causa della parziale inagibilità dello Stadio dei Marmi. Uno sfogo quello dell’allenatore toscano che ha mostrato ancora una volta i tratti sanguigni della sua personalità forte. Una personalità che, ad ogni buon modo, è riuscito a trasferire anche alla propria squadra, sempre più prima in classifica e capace di ribaltare la complicata partita con la Lucchese fanalino di coda che ha messo in difficoltà Tavano e compagni. Proprio l’ex giocatore dell’Empoli, però, ha guidato i suoi alla vittoria segnando il gol da tre e punti ed imponendosi, sempre di più, come capocannoniere dell’intera Serie C. E con queste qualità, tecniche e mentali, la Carrarese si candida ad un ruolo da protagonista in questa stagione che può essere quella della definitiva consacrazione con la promozione in Serie B.

LA FORZA DELLA CARRARESE - E la grande forza della squadra di Baldini, sempre pronto ad attaccare sia dentro che fuori dal campo, è proprio l’efficacia offensiva, come dimostrano i 41 gol segnati in 15 partite di campionato, con una media di quasi 3 reti ad incontro. E in questo senso grande merito va concesso a Francesco Tavano, andato a segno già 14 volte nelle prime 15 stagionali. Numeri da record che lo collocano davanti a tutti per marcature in Serie C; e fatta esclusione per Caccavallo, guarda caso suo compagno di squadra in una Carrarese inarrestabile, fermo a 12 gol, il giocatore più vicino è Giacomelli del Vicenza, che guida la classifica cannonieri del Girone B con ‘appena’ 9 reti. 5 in meno rispetto a Tavano, che sta toccando livelli ancora più alti rispetto alla passata stagione, nella quale era stato trascinatore della Carrarese ed uno dei migliori giocatori del torneo. Come a dimostrare che la classe non ha età, che il talento non ti abbandona mai. Poi con un allenatore così, capace di trasmettere, nel bene e nel male, sensazioni forti, diventa tutto molto più facile. 

GIRONE A - Detto della Carrarese, capace di ribaltare 2-1 la Lucchese e sempre capolista a quota 30, bisogna analizzare anche la stagione del Piacenza, tra le grandi rivelazioni del campionato. Gli emiliani, infatti, grazie al successo in rimonta sull’Arzachena sono saliti a 29 punti, con una partita da recuperare sui toscani. Quella del Piacenza si conferma annata di altissimo livello, nella quale gli uomini di Franzini si stanno imponendo come una delle principali candidate alla vittoria del Girone. Chi, invece, non riesce ad uscire dalla crisi di risultati è la Juventus U23, sconfitta in casa dal Pisa e ferma a +2 sulla zona playout. I bianconeri continuano ad attraversare un momento complicato, nel quale la confidenza di inizio stagione sembra solo un ricordo sbiadito. Fondamentale sarà il prossimo turno di campionato contro l’Olbia, nel quale i ragazzi di Zironelli non potranno davvero più sbagliare. 

Risultati
: Piacenza-Arzachena 3-1; Olbia-Siena 0-0; Novara-Lucchese 2-2; Juventus U23-Pisa 1-3; Carrarese-Pistoiese 2-1; Arezzo-Alessandria 1-1; Pro Patria-Gozzano 1-1; Pontedera-Pro Piacenza 2-1; Albissola-Entella 0-1; Pro Vercelli-Cuneo 0-1.

Classifica: Carrarese 30; Piacenza* 29; Arezzo 26; Pro Vercelli** 25; Pontedera 23; Entella******, Pisa* 22; Siena**, Cuneo* 18; Novara*, Pro Patria 17; Gozzano 16; Juventus U23, Olbia*, Alessandria 14; Pro Piacenza**, Albissola 12; Pistoiese**, Arzachena 11; Lucchese 8.

GIRONE B - Ritrova la vittoria il Monza che, dopo un paio di mesi di grandi difficoltà, rifila un sonoro 3-0 alla Giana Erminio e si riporta in piena zona playoff. Successo importante per i Lombardi che in attesa del mercato di gennaio che si preannuncia di assoluto livello dovranno cercare di limitare i danni.
Buona vittoria anche per il Pordenone che mantiene la testa della classifica grazie al successo sul Ravenna e allunga a +3 sulle dirette inseguitrici, con la Ternana (che ha una partita in meno) principale candidata ad insediare i friulani in quella che sarà una durissima lotta per la vittoria del girone.

Risultati: Vis Pesaro-Faralpisalò 1-0; Triestina-Gubbio 2-2; Rimini-Albinoleffe 3-2; Renate-Fano 0-1; Pordenone-Ravenna 2-1; Vicenza-Teramo 1-1; Imolese-Virtus Verona 3-1; Monza-Giana Erminio 3-0; Ternana-Fermana 2-0; Sambenettese-Südtirol 1-0.

Classifica: Pordenone 29; Ternana*, Triestina 26; Vis Pesaro, Feralpisalò 25; Fermana, Vicenza 24; Ravenna 23; Imolese 22; Monza 20; Südtirol 19; Sambenedettese*, Rimini 18; Teramo 16; Fano, Giana Erminio 15; Gubbio 14; Renate12; Albinoleffe 11; Virtus Verona 10. 

GIRONE C - Prosegue il momento di difficoltà del Catania, che cade sul campo del Bisceglie e scivola sempre più lontano dalla testa della classifica, lontana 11 punti (anche se con una partita in meno rispetto alla Juve Stabia capolista). E proprio i campani sono stati i grandi protagonisti di giornata grazie alla vittoria nel big match sul campo del Trapani. Un 2-1 che certifica la forza della Juve Stabia, sempre più lanciata alla vittoria di un girone del quale è ormai padrona assoluta. Chi approfitta dello stop del Trapani è il Catanzaro che grazie alla vittoria sulla Virtus Francavilla si porta al secondo posto a pari punti col Rende sconfitto dal Matera.

Risultati: Trapani-Juve Stabia 1-2; Rieti-Paganese 4-1; Cavese-Potenza 1-1; Vibonese-Siracusa 1-1; Matera-Rende 3-1; Casertana-Monopoli 0-1; Bisceglie-Catania 1-0; Virtus Francavilla-Catanzaro 0-1; Sicula Leonzio-Reggina 1-2.

Classifica: Juve Stabia* 35; Rende, Catanzaro* 27; Trapani* 26; Catania** 24; Vibonese* 22; Monopoli**, Potenza*, Casertana* 21; Sicula Leonzio 18; Reggina** 17; Cavese** 15; Bisceglie 14; Virtus Francavilla**, Siracusa*, Rieti* 13; Matera* 6; Viterbese******* 5; Paganese* 4.