119

Il presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis si è concesso ad una lunga intervista ai microfoni del Corriere dello Sport. Tanti i temi trattati a partire dalla lotta scudetto con la Juventus e dei colpi di mercato in programma per il club.

LOTTA ALLA JUVE - "Ma io, ovviamente, auguro che il Napoli possa avere quella continuità di risultati che l'anno scorso, nella fase iniziale, ci è mancata. Però abbiamo pagato un prezzo elevato per l'infortunio di Milik: è stato bravissimo Sarri, in quel vuole che s'è creato, a comprendere le difficoltà di Gabbiadini e ad inventarsi Mertens centravanti. Abbiamo confermato l'intero organico; e abbiamo anche prolungato i contratti di giocatori che garantiscono un ciclo lungo. E' la nostra politica e direi che in quattordici anni non abbiamo mai tradito: i risultati sono sotto gli occhi di chiunque".

PIU' FORTI SENZA HIGUAIN - "E io penso che questo Napoli abbia già dimostrato di essere superiore all'altro, a quello di due campionati fa. Lo dicono i primati, i punti, i gol della stagione che si è appena conclusa. E però stavolta cominciamo con una sperimentazione già effettuata e ora ripartiamo con una squadra giovanissima e nella quale si inseriranno sempre meglio i vari Rog, Zielinski, Diawara, ma anche Ounas che è appena arrivato".

DA REINA AL MERCATO - "Reina è un finto problema. Pepe è coperto dal contratto. Mario Rui o Berenguer? Quello di chi deciderà per primo di venire da noi. E non è poi da scartare l'ipotesi di un mister X, qualcuno che a voi giornalisti, per esempio, è sfuggito".

CHIESA O BERARDI? - "Piace Chiesa? Certo che sì: e dico anche che mi piace, che piace a Giuntoli, che è un giocatore di grandissima prospettiva. Preferisco Chiesa a Berardi, pur riconoscendo a Berardi un talento enorme".