131
Serio e professionista. Un leader, che fa la differenza, con i fatti e con le parole. La crescita di Matthijs de Ligt, dal suo arrivo dall'Ajax nell'estate 2019, è stata esponenziale, grazie anche al supporto e ai consigli di Chiellini e Bonucci, l'olandese si è confermato uno dei migliori interpreti nel suo ruolo, diventando un punto di riferimento dello spogliatoio bianconero. Si è guadagnato la fiducia, apprendendo nel più breve tempo possibile l'italiano, accettando critiche e confronto, mettendoci la faccia, anche nelle situazioni più spinose, in partita e davanti ai microfoni. Un capitano senza fascia che, senza Chiellini e Dybala, potrebbe diventare sua il prossimo anno.

LO SCENARIO -
Una possibilità, una scelta che spetta al club e soprattutto ad Allegri. Sarebbe un segnale forte, anche in ottica mercato, visto che il suo nome è da tempo sui taccuini delle big inglesi e spagnole. Raiola lo scorso settembre non ha escluso una addio in estate, ma la situazione al momento non è allarmante. De Ligt a Torino sta benissimo, la Juve lo considera al centro dei suoi progetti e valuta il rinnovo del contratto in scadenza nel 2024. Una partenza al momento è fuori discussione, a patto che non arrivi la classica offerta fuori mercato, che non è detto sia il valore della clausola, di 120 milioni di euro, valida proprio dalla prossima finestra di mercato. Per intenderci, de Ligt è fondamentale e non si vende, lo scenario può cambiare solo di fronte a una proposta di 90/100 milioni di euro. Cifre che farebbero traballare qualsiasi club.