Commenta per primo

Dopo la reazione dell'ormai ex allenatore fiorentino Delio Rossi in seguito a qualche parola di troppo da parte di Adem Ljajic, 21enne centrocampista serbo, infastidito dalla sostituzione, il tam-tam delle reazioni e dei commenti non si fa attendere.

Oltre all'esonero del mister e la sospensione del giocatore sono tanti i commenti che piovono sull'episodio, primo fra tutti quello dell'ex tecnico della Nazionale, Arrigo Sacchi: "Non si può demonizzare un allenatore che pure ha compiuto un fatto deplorevole. Delio Rossi è un grande professionista e sarà di certo rammaricato per quello che è successo. Tuttavia non dobbiamo meravigliarci per quanto è accaduto, vista la tensione all'eccesso del mondo del calcio".

Anche il presidente dell'Assoallenatori Renzo Ulivieri non se la sente di dare tutta la colpa all'ex allenatore gigliato e ai microfoni di Sky Sport 24 commenta così l'accaduto: "Rossi ha sbagliato, ma se si focolizza tutto su una reazione che è sicuramente brutta, si commette un errore. Parliamo di un allenatore che non è alle prime armi, che è conosciuto da tutti per la sua educazione. Ieri non ha retto, non ce l'ha fatta a dire 'mi giro dall'altra parte' come siamo ormai abituati a fare noi allenatori. Se era un padre lo sculacciava, la sua come tecnico è stata una reazione spropositata, ma i bimbi sciocchi in senso metaforico vanno presi a sculaccioni, nel senso che gli si fa fare una brutta figura negli spogliatoi".

Il commento più duro arriva dall'ex tecnico Carlo Mazzone che, nonostante il precedente della maxi-squalifica ai tempi del Brescia per aver reagito con troppa veemenza nei confronti della tifoseria atalantina, concede al collega solo l'attenuante dello stress: "Rossi mi sembrava una persona tranquilla e serena, in noi allenatori ci sono sempre delle tensioni particolari ma non si può arrivare a fare questo. Anche da parte dei calciatori deve esserci rispetto, ma non voglio giustificare il brutto episodio di Firenze: Rossi ha sbagliato, è andato fuori di testa. Forse è stato offeso e si è sentito tradito dal ragazzo, ma noi allenatori dobbiamo dare il buon esempio. Ora pagherà le conseguenze, deve tirarsi per un pò fuori dal mondo del calcio e poi piano piano rientrerà".

Il pieno appoggio a Delio Rossi arriva da Zbigniew Boniek, ex giocatore di Juve e Roma, ex allenatore e attuale opinionista Rai, che afferma categorico: "Rossi ha fatto bene. Anzi benissimo", scatenando l'ira dei commenti su Twitter.

Non si è però allenatori solo nel calcio. Anche Mauro Berruto, il tecnico della Nazionale maschile di pallavolo, famoso per i commenti mai fuori luogo che condivide sul suo blog, si esprime sulla vicenda proprio sulla sua pagina web: "Ritengo Delio Rossi una persona estremamente perbene e uno dei miei colleghi più lucidi, equilibrati e interessanti da ascoltare. Ha perso la testa e credo sia il primo ad esserne consapevole, perché credo che lui stesso sappia che con quella reazione si è, di fatto, dimesso dal suo ruolo".