Calciomercato.com ha posto all'Avv. e Agente FIFA Jean-Christophe Cataliotti, titolare dei workshop di Reggio Emilia per aspiranti osservatori e agenti (info su www.footballworkshop.it), alcune domande sui delicati compiti che spetteranno al nuovo Presidente Federale Carlo Tavecchio.

Tavecchio è già al lavoro. Quali saranno i suoi futuri impegni nella nuova veste di Presidente Federale?
Citando le norme dello Statuto della FIGC, va, innanzitutto, ricordato che il Presidente Federale rappresenta la FIGC nella sua unità e ne ha la rappresentanza legale. Ha, inoltre, la responsabilità generale dell'area tecnico-sportiva ed esercita le funzioni apicali di programmazione, indirizzo e controllo relative al perseguimento dei risultati agonistici a livello nazionale e internazionale.

Rientra tra i suoi compiti, quindi, proprio la nomina del ct della Nazionale?
La risposta è affermativa. Nomina, infatti, i Direttori tecnici delle squadre nazionali previa consultazione con il CONI e sentito il Consiglio Federale. Deve, altresì, presentare all'inizio del suo mandato il suo programma tecnico-sportivo ed al termine un consuntivo relativo all'attività svolta ed ai risultati conseguiti.

Quali le altre responsabilità?
Sul Presidente Federale grava la responsabilità generale del buon andamento della Federazione; adotta, in particolare, sotto la sua responsabilità, i provvedimenti di ordine amministrativo, tecnico e sportivo corrispondenti alle attribuzioni riconosciute dallo Statuto alla FIGC.

Quanto resterà in carica Tavecchio? 
Resterà in carica per un biennio, quindi fino al 2016, ma potrà essere riconfermato.