10
Una notte di lotta, su ogni pallone. Con la gioia finale per la vittoria del suo Perù sulla Colombia e un sogno, il Mondiale di Qatar 2022, che si fa sempre più reale. Gianluca Lapadula ha vissuto emozioni forti nella sfida, cominciata da titolare, con la sua blanquirroja contro i vari Ospina, Cuadrado, James Rodríguez e Falcao. Soprattutto Falcao, dato che in uno scontro aereo con el Tigre, l'attaccante torinese ha subito un colpo al volto che gli ha fatto perdere molto sangue dal naso e lo ha costretto, nel secondo tempo, a scendere in campo senza la sua classica mascherina protettiva.

CAPOCANNONIERE IN USCITA - Quella di ieri è stata la prima partita di Lapadula da titolare dopo quasi due mesi: l'ultima gara cominciata dal primo minuto era stata il 10 dicembre, contro la Ternana. Un 2-0 per il Benevento con una doppietta del bomber dei due mondi, che da allora, complici i rinvii per Covid e la rottura col club, non è più sceso in campo in campionato, con appena 19 minuti collezionati in Coppa Italia. La curiosità è che Lapa è ancora il capocannoniere della Serie B, con le sue dieci reti (a cui vanno aggiunti quattro assist), realizzate in appena 15 presenze. Ma il futuro sembra lontano dal Vigorito.
CI PROVA IL VENEZIA - A qualche ora dalla ripresa del campionato, in pieno mercato di gennaio, l'allenatore Fabio Caserta ha infatti annunciato in conferenza stampa che "Lapadula non vuole più giocare per il Benevento". Una dichiarazione contestata dai legali del bomber, che non cambia granché però nella sostanza: l'attaccante vuole lasciare la Serie B, ha avuto sondaggi da diversi club in Italia e all'estero ma in queste ore è il Venezia la squadra che sta insistendo per averlo. Contatti continui tra le parti, nonostante Lapadula sia dall'altra parte del mondo, per provare a trovare un accordo: oltre al sogno Mondiale, nel suo 2022 Gianluca vuole anche realizzare quello di tornare in Serie A.