L'obiettivo della Juve è sempre lo stesso: continuare a crescere, continuando a vincere. Ma in ambito progettuale molto se non tutto dipenderà dall'avventura in Champions. Previsti investimenti importanti, così come un rinnovamento soprattutto in difesa: quanto netto dipenderà anche da questa stagione. E rispetto alla scorsa estate, dovrà anche vendere per comprare: bisognerà bilanciare quel passivo da oltre 100 milioni di solo mercato, l'ingaggio a parametro zero di Aaron Ramsey è già un ottimo inizio in tal senso.

ALLENATORE – Sfumato Zinedine Zidane, ora la palla è tornata nelle mani di Max Allegri. Dalla famosa cena con Andrea Agnelli è emersa la volontà del presidente bianconero di cambiare solo nel caso in cui fosse Allegri a decidere di lasciare, altrimenti sarà rinnovo. E una decisione in tal senso arriverà solo a fine stagione. Anche in questo caso, sotto ogni punto di vista, il cammino in Champions potrà fare la differenza. Se Allegri lasciasse? Può succedere di tutto, da Antonio Conte a Didier Deschamps, passando per un giovane in rampa di lancio.

OBIETTIVI – Ci sono i sogni proibiti, quasi impossibili, come Paul Pogba o Kalidou Koulibaly. Chi non passa mai di moda come Lukaku, Milinkovic Savic o Isco. Ci sono degli obiettivi concreti, ma legati ad eventuali partenze, come Marcelo, N'Golò Kanté, Tanguy Ndombelé, Federico Chiesa, tanto per citare un uomo per reparto. E poi ci sono tanti giovani talenti, già affermati o in rampa di lancio. Per Matthjis de Ligt è guerra aperta, non solo con il Barcellona. Romero è a meno di un passo. Zaniolo ha convinto tutti. E ancora Tonali, Joao Felix, Kai Havertz: la Juve tiene d'occhio tutti i giovani di maggiore prospettiva. Ma soprattutto c'è un casino da scatenare un anno dopo: i contatti con l'entourage di Mauro Icardi sono continui, comunque vada non sarà solo una manovra di disturbo. POSSIBILI CESSIONI – L'elenco degli incedibili, ammesso che ci sia, è composto da pochissimi elementi. E sicuramente qualche big dovrà partire. Le situazioni più in bilico in questo momento sono sempre quelle di Alex Sandro e Douglas Costa, quelle più delicate riguardano Miralem Pjanic e ovviamente Paulo Dybala. La Champions farà la differenza, un ampio rinnovamento è possibile.

​CONTRATTI DELICATI – I rinnovi di Mario Mandzukic e Daniele Rugani sono in dirittura d'arrivo. Più urgente e delicata la questione legata a Moise Kean, non è un problema di soldi ma di prospettive. Ma il rinnovo centrale è sempre lo stesso: quello di Allegri.