Arrivo in ritardo all'aeorporto, gate chiuso, velivolo in preparazione per il decollo: il volo è perso, non se ti chiami Claudio Lotito. Torna a far parlare di sé il presidente della Lazio, che questa volta, con Maurizio Carrasco (presidente della Federazione medico sportiva italiana) e una terza persona, è riuscito a bloccare un aereo virtualmente già partito. E' accaduto a Fiumicino, da dove alle 14 Lotito avrebbe dovuto prende il volo Alitalia Roma-Milano per recarsi alla riunione del CONI, ma il patron biancoceleste, riferisce Lalaziosiamonoi.it, è arrivato in ritardo allo scalo romano: motori già accesi, pronto per il decollo, poi lo stop e la riapertura dei portelloni per permettere a Lotito di salire a bordo.