1
Novità natalizie. Un aggiornamento giunto dal sito di Companies House UK nel dì di festa avvisa di una società sottoposta a procedura di cancellazione obbligatoria (compulsory strike-off) dal registro delle imprese. Non una società qualsiasi. Si tratta infatti di Sporting Club Spes Limited, la compagnia con sede legale a Londra di cui si è parlato nella seconda puntata dell'inchiesta sulle attività dell'allora Direttore Generale dell'Empoli Football Club, Riccardo PeciniPubblicato il 24 aprile di quest'anno, l'articolo metteva in evidenza che Pecini fosse non soltanto coinvolto nella società Studio Fut con sede a Sarzanama anche che fra gennaio 2016 e aprile 2018 sia stato fondatore e socio della Sporting Club Spes Limited assieme all'agente Luca Puccinelli, a sua volta titolare di un'agenzia di gestione delle carriere con sede a Londra, la Football Now LimitedDalla capitale del Regno Unito la Spes controlla (controllava?) un'accademia calcistica nella città di Thiés, in Senegal.

In seguito alla pubblicazione degli articoli da parte di Calciomercato.com il rapporto di lavoro fra Riccardo Pecini e l'Empoli Football Club è andato in crisi, venendo risolto a fine stagione. Il dirigente è tornato alla Sampdoria per occuparsi di scouting, ciò che faceva prima di approdare in Toscana e assumere un ruolo di più elevato grado. E adesso, a qualche mese di distanza, giunge la notizia della procedura di compulsory strike-off per Sporting Club Spes LimitedChe è “obbligatoria” e non volontaria (voluntary strike-off) perché non viene avviata dalla società stessa, ma dalle autorità commerciali britanniche. Il compulsory strike-off scatta quando la società non rispetta alcuni, ordinari adempimenti. E nel caso di Sporting Club Spes Limited la notizia di inadempienza è segnalata nella pagina d'apertura dedicata alla società dal sito di Companies House UK: “Accounts overdue”, cioè “Conti annuali in ritardo”. Sporting Club Spes Limited doveva presentare entro il 31 ottobre 2019 i conti chiusi al 31 gennaio 2019. Non lo ha ancora fatto e per questo motivo Companies House ne ha avviato l'operazione di cancellazione non volontaria. In linea teorica, chi gestisce la società avrebbe ancora modo di evitarne l'eliminazione. Ha volontà di farlo? Ancora pochi giorni e lo sapremo.
@pippoevai