Commenta per primo
Due giorni all’insegna del grande eSports e della sana competizione. Si possono racchiudere così le giornate di venerdì 7 e sabato 8 gennaio, durante le quali si sono disputati i tornei 1vs1 e 2vs2 della Kita High. La competizione, organizzata da Amazing Esports presso la sala LAN The Gamespot di Napoli, avrebbe dovuto disputarsi con la partecipazione di oltre trenta player provenienti da tutta Europa che avevano ottenuto la qualificazione nel corso dei tornei online disputatisi nell’ultimo mese. L’arrivo dei giocatori non italiani è stato però bloccato da alcune disposizioni della EA, che hanno costretto l’organizzazione a riprogrammare i due tornei in modalità online.

Nel corso delle due giornate sono stati quindici i player italiani a raggiungere Napoli e a sfidarsi con tutti gli altri partecipanti, in un clima di festa per l’incontro in una sola location dopo diversi mesi di competizioni giocate esclusivamente in remoto. A fare gli onori di casa Matteo “RiberaRibell” Ribera, presentatore e componente della squadra di organizzatori dell’evento.

Il torneo in singolo si è disputato nella giornata di venerdì, con player del calibro di Fatih Üstün e Dylan "DullenMIKE" Neuhausen (NEO) ad affrontare volti noti del panorama italiano come Daniele “Prinsipe” Paolucci (Mkers), Cosimo Guarnieri (Mkers), Raffaele “ErCaccia” Cacciapuoti (Monza Esports) Giovanni “Giovhy” Salvaggio (Sampdoria Esports) e Lucio “HHezerS” Vecchione (Betclic Apogee). Sfiorata una finale tutta italiana, con Francesco Pio “Obrun2002” Tagliafierro (Exeed) e Rocco “GuarinoJr.” Guarino (Dsyre) che si sono arresi in semifinale in favore di Sagi Tesler (NOM) e Lucio “HHezerS” Vecchione (unico rappresentante italiano in finale). Ad avere la meglio al termine di un doppio scontro molto equilibrato è stato il player israeliano, che con la vittoria finale ha conquistato il premio in denaro di 2000 dollari.

La giornata di sabato, invece, è stata dedicata al torneo 2vs2. Tra le diverse coppie a contendersi un posto finale si è contraddistinta quella formata da Peppe Ferraro (Reply Totem, appena 15 anni) e Francesco “Hartixel7” Ricci (Revolution, 18 anni), che alla prima esperienza insieme sono riusciti a superare team ben più affermati conquistando una Top 8. Bene anche i Reply Totem (Antonio "Santill1" Santillo e Andrea "Montaxer" Montanini) ed il Venezia Esports (Karim "Karimisbak" Rmaiti e MarcoTheFirst), arrivati ad un passo dalla finalissima. A trionfare è stato il team composto da Francesco Pio “Obrun2002” Tagliafierro (Exeed) e Rocco “GuarinoJr.” Guarino (Dsyre), che si è imposto per 5-3 sul duo tedesco formato da Dylan "DullenMIKE" Neuhausen (NEO) e Ditmir Alimi (Colonia Esports).
"Da tempo desideravo di riunire i giocatori per disputare un torneo dal vivo: da qui è nata l’idea di creare la Kita High. Abbiamo ospitato giocatori alla prima esperienza dal vivo ed altri con alle spalle diversi tornei internazionali. Cercheremo di portare questo evento ogni due mesi, con la speranza di poter avere qui anche i player provenienti dall’estero", così Simone Vaticone (fondatore di Amazing Esports, conosciuto semplicemente come Kita) a margine dell’evento di Napoli.

Tra gli organizzatori anche Fedele Management, rappresentati da Simone Artina: "È stato bello rivedere i giocatori tornare a competere dal vivo dopo tre anni. La speranza è che questi eventi possano aggiungersi stabilmente al calendario dei player italiani e internazionali. Un ringraziamento va a Simone “Kita” Vaticone e tutti i ragazzi che hanno partecipato, augurando loro il meglio per il prosieguo della stagione”.