10

Islanda, terra di ghiacciai, di pesca e di geyser, ma anche teatro di grandi affari. Soprattutto per i club olandesi, che da anni saccheggiano la Landsbankadeild Karla alla caccia di potenziali talenti. In Eredivisie, insieme a Sigthorsson dell'Ajax, stanno esplodendo due dei giovani più interessanti del panorama europeo, Alfred Finnbogason e Johann Berg Gudmundsson. Entrambi islandesi, un attaccante e un esterno offensivo, un classe 1990 e un 1989, due giocatori su cui puntare ad occhi chiusi. 

Finnbogason gioca nell'Heerenveen, club che storicamente ha lanciato grandi attaccanti (tra cui Nistelrooy, Huntelaar, Tomasson e Samaras) ed ha uno sponsor d'eccezione, Marco Van Basten. Per lui parlano i gol, proprio come il suo idolo Henrik Larsson:  24 in 31 partite nell'ultima stagione, 6 in 4 match quest'anno. In estate Lazio e Napoli hanno provato a portarlo in Italia, Juve e Milan hanno chiesto informazioni. E se il Cigno di Utrecht arrivasse a Milanello per sostituire Allegri potrebbe avere l'islandese come compagno di viaggio.

Gudmundsson ha avuto una crescita più lenta, ma sembra essere arrivato il momento della sua consacrazione. Venerdì ha segnato una tripletta alla Svizzera, in un match di qualificazione a Brasile 2014, lo scorso luglio ha realizzato un gol con l'AZ Alkmaar nella Supercoppa olandese persa contro l'Ajax. Il Cardiff City nelle ultime settimane ha provato senza successo a portarlo in Premier League, ma a giugno la musica potrebbe cambiare. I suoi gol hanno fatto il giro del mondo, arrivando anche in Italia: sugli spalti dello Stade de Suisse di Berna c'erano anche osservatori di club di serie A che hanno scritto relazioni positive.