Commenta per primo

Il mistero è risolto. Alessio Cerci non ha aggravato la propria posizione per un viaggio a Barcellona, ma per un ritardo nel rientro dalla Spagna. E più nello specifico, un viaggio per la conclusione dell'acquisto di una casa a Formentera. L'indiscrezione, rilanciata poco fa da Rai nel corso del Tg3 Toscana, conferma il momento di assoluta bufera in casa viola, e la posizione a dir poco “in bilico” dell'attaccante.

Cerci, infatti, resta in rosa e da stasera sarà in ritiro con il resto della squadra, ma per ciò che riguarda il punto di vista del tecnico Rossi è fuori dal gruppo che affronterà la Roma domenica. Un'esclusione che potrà essere direttamente dalla lista dei convocati, o più semplicemente con la tribuna, ma che di fatto sarà imposta a Cerci nonostante le prese di posizione ufficiose della società che inizialmente aveva provato a difendere e coprire l'attaccante.

Tutto risale, infatti, al viaggio spagnolo di Cerci fissato per lunedì, per la risoluzione del contratto di una casa a Formentera. Viaggio autorizzato o meno (nel giorno libero a disposizione), però, il problema sorge quando Cerci perde il volo di ritorno, da Barcellona, e non rientra in città per gli allenamenti e la serata con il gruppo “Violascuro” nella quale sarà sostituito da Gilardino. Sarà Rossi, poi, a farsi sentire con il giocatore, non più tardi di ieri al centro sportivo, chiarendo che dopo  il primo errore non sono concesse deroghe. Ecco perchè, alla seconda occasione, Cerci paga. In questo caso con la Roma.

Con l'estromissione assai probabile nella partita contro la sua ex squadra, senza che però Cerci possa saltare il ritiro. L'eventuale esclusione dalla rosa, del resto, questo significherebbe e non è certo questo l'intento del club viola nel quale, inevitabilmente, continua a regnare la confusione per tutte le voci che circolano nella settimana in cui c'è da affrontare la Roma. In altri termini Cerci non è fuori rosa, ma fuori squadra. Non resta che attendere un arrivo, forse mai così necessario, di Andrea Della Valle a Firenze e capire cos'altro ancora potrà accadere da qui a domenica.