Commenta per primo

Serve un gol fortunoso di Babacar a piegare le resistenze di un Empoli coriaceo e generoso che lascia la Tim Cup a testa altissima, autore di una prova che ha costretto gli uomini di Mihajlovic ai supplementari. Una deviazione sulla conclusione dell'ex centravanti della Primavera al minuto 119 regala i quarti di finale alla Fiorentina, che giocherà contro la vincente fra Frosinone e Reggina. Il primo tempo vive sulle giocate della coppia 'black power' viola composta da Babacar, prima punta, e Papa Waigo, che parte da sinistra ma non disdegna di inserirsi. Gli ospiti agiscono di rimessa ma non riununcia a colpire con Fabbrini, in stato di grazia e ben accompagnato da un centrocampo che lo supporta e ha la meglio sul duo viola Bolatti-Donadel. L'occasione più nitida per passare in vantaggio è viola, al 20', quando Babacar impegna Pelagotti e sulla respinta si fionda Papa Waigo, che in sforbiciata manda alto. Aglietti perde Mchedlidze al 35', con la Fiorentina che nel frattempo aveva creato un'altra buona chance su un triangolo Babacar-Ljajic-Babacar, con tiro finale del 17enne capace di mettere i brividi alla difesa azzurra (palla fuori di poco). Dopo un buon inizio viola nella ripresa con Ljajic al 46' e Babacar al 53', autori rispettivamente di una conclusione respinta coi pugni da Cesaretti e di un tiro bloccato dallo stesso numero 27 empolese, la partita abbassa i suoi ritmi gli allenatori operano la loro girandola di sostituzioni. L'azione più clamorosa per segnare la crea Santana, fra i neo entrati, che al 70' serve una palla d'oro ad altezza dischetto a Ljajic: il serbo colpisce il palo, e poi è bravissimo Gotti a chiudere su Babacar pronto sulla ribattuta. Clamorosa anche la chance di Ljajic su assist di Cerci all'84', con palla che lambisce il palo. Quando Alessio Cerci viene servito da un passaggio smarcante al 94', e l'ex romanista manda fuori da ottima posizione, tutto lo stadio inveisce nei suoi confronti, ricevendo applausi ironici dai sostenitori empolesi. Sono più gli ospiti pericolosi nel primo tempo supplementare, con Fabbrini prima e Soriano poi (bravo Boruc in tutte e due i casi), mentre la chance migliore, nel secondo overtime, prima del decisivo guizzo di Babacar, è un anticipo di Pelagotti su Santana al 114'.

FIORENTINA

Il  tecnico della Fiorentina, Sinisa Mihajlovic: 'Sapevamo che oggi sarebbe stata dura, contro una squadra che in serie B non ha ancora perso. In attacco hanno ottimi giocatori come Fabbrini e Foti. Sono tutti giocatori con un grande futuro. Noi ci abbiamo messo del nostro creando tanto ma senza finalizzare. Poi arrivi al 120' ed essendo una partita secca puoi rischiare anche di perdere. L'importante era passare il turno senza infortuni. Abbiamo ottenuto entrambe le cose. Peccato solo che abbiamo fatto 120'. Meno male che anche il Catania gioca domani in Coppa Italia. I giovani? Hanno fatto bene. Camporese, De Silvestri, Gulan e Babacar sono molto giovani: le risposte che cercavo le ho avute, perché hanno dato l'anima nonostante finora abbiano giocato poco. Soprattutto Babacar ,che ha avuto tante occasioni e segnato un solo gol. Gamberini? L'ho tolto per precauzione perché ha un problema ai flessori'.

EMPOLI

Il tecnico dell'Empoli, Alfredo Aglietti: 'E’una sconfitta che sa di vittoria visto che al termine dei tempi regolamentari avevamo pareggiato con la Fiorentina. E' stato un match in cui abbiamo mostrato qualità ed in cui abbiamo onorato la partita, esaltando l'orgoglio dei nostri tifosi. Sono contento dei tanti giovani che hanno giocato, se ho scelto il progetto Empoli è perché volevo una squadra che dimostrasse nel tempo il suo potenziale e potesse crescere tanto. Avevo fatto un pensierino fin da prima della gara alla qualificazione al turno successivo, perché non bisogna avere timori reverenziali, e non so come sarebbe finita se Babacar non avesse segnato dopo un netto fallo su Foti'.