Commenta per primo

In una Fiorentina che, nelle ultime ore è stata al centro dei riflettori dei media soprattutto per la ‘fuga’ dallo spogliatoio di Adrian Mutu, alla vigilia dell’ultimo allenamento, mercoledì scorso, prima della trasferta di Bologna, da ieri c’è un nuovo piccolo caso, se paragonato a quello del rumeno che, vede coinvolto Marco Marchionni.

L’ex laterale di Juventus e Parma è uscito dopo un’ora di gara furioso, lamentandosi in particolare con la panchina, soprattutto Sinisa Mihajlovic, reo con il suo cambio di averlo usato come capro espiatorio della Fiorentina in quel momento in svantaggio. Ci hanno pensato così due compagni di squadra a ‘ricucire’ la frattura proprio fra Marchionni ed il tecnico gigliato: da prima Comotto si è alzato in piedi dalla panchina e ha cercato di contenere la rabbia del 30enne gigliato, e poi De Silvestri, mentre i compagni festeggiavano la rete di Santana, è andato dal numero numero trentadue viola, dandogli una leggera pacca alla testa, per suscitare una reazione da quest’ultimo.

Proprio De Silvestri e Marchionni sono legatissimi in quanto di fede laziale e fanno della loro amicizia nello spogliatoio gigliato uno dei legami piu’ solidi. In serata, anche un colloquio avuto fra Montolivo e Marchionni, compagni in passato anche in Nazionale, mentre la squadra tornava a Firenze ha circoscritto l’episodio, minimizzato nel dopo partita anche dal tecnico viola Mihajlovic.