3

Luca Caldirola è un giovane difensore classe '91 in prestito al Brescia, di proprietà dell'Inter e del Cesena che hanno in compartecipazione il suo cartellino. Il ragazzo cresciuto nelle giovanili nerazzurre è stabilmente nel giro della Nazionale under 21, di cui è anche capitano, ha parlato in esclusiva per Calciomercato.com della sue esperienza al Brescia, del suo tifo per i colori nerazzurri, del suo idolo Alessandro Nesta e del tanto chiacchierato SuperMario Balotelli:

Luca hai disputato una stagione da vero protagonista nel Brescia, sei soddisfatto o ti aspettavi di più? "Sinceramente mi aspettavo di più dalla mia stagione. Sono consapevole che avrei potuto fare molto di più, ma purtroppo alcuni guai fisici mi hanno un po’ condizionato".
 

Credi nella possibilità di spuntarla sul Varese nella corsa playoff? "Sarà dura, però abbiamo ancora tre partite e dobbiamo provare a fare 9 punti. Non siamo partiti per disputare i play off, ma chiaramente essendo lì, non possiamo non provarci".

 
Nell'ultima giornata ci sarà proprio Brescia-Varese, siete pronti per queste tre ultime finali? "In questo momento il nostro unico pensiero va alla gara di domani contro l'Ascoli perchè è davvero fondamentale. Tutto passa da questa partita".
 
Tre giovani calciatori che si sono distinti maggiormente in questa stagione? "Mi ha impressionato tanto Zaza, che è stato anche convocato con l'Under 21. Poi Saponara, mio compagno già in Nazionale...sul terzo nome direi un giocatore di serie A e cioè Insigne".
 
Il tuo cartellino è in comproprietà fra Inter e Cesena, ci speri in un ritorno in nerazzurro al termine di questo campionato? "Per il momento non penso al mio futuro prossimo. Punto a finire bene la stagione con il Brescia anche perchè sono convinto che il futuro passi dal presente".
 
Fai il tifo per qualche squadra in particolare? "Ho fatto tutta la trafila nel Settore Giovanile dell'Inter. Sono tifoso dei colori nerazzurri, ma mi ritengo anche un professionista, quindi do sempre il massimo per la maglia che indosso".
 
Ti ispiri a qualcuno o hai qualche idolo? "Pur essendo un ex milanista, il mio idolo è Alessandro Nesta: un grande".
 
Hai giocato con Balotelli, lo dipingono tutti come un bad boy, è vero?: "Per me Mario non è come lo descrivono. Ha fatto i suoi errori, è vero, ma non è affatto un bad boy".
 
Visto il momento in cui versa l'Inter, non di certo positivo, non ti ha dato un po' fastidio che non abbiano deciso di puntare su di te in questa stagione? "Il fatto di aver potuto disputare un'altra stagione in Serie B prima con il Cesena e poi con il Brescia mi ha permesso senza dubbio di maturare di più, per essere pronto in un futuro più o meno prossimo a giocare in Serie A. La Serie B è un'ottima palestra per noi giovani!".