Commenta per primo

 

L'incredibile autogol dell'Inter nel caso Diego Forlan, escluso dalla lista Champions per aver già disputato un turno preliminare di Europa League con l'Atletico Madrid, rappresenta sia un problema che un'opportunità per i nerazzurri
 
Dell'aspetto problematico della vicenda si è detto e si dirà tanto: danno economico, danno di immagine, danno tecnico (Gasperini si ritrova con un giocatore importante in meno, non potendo oltretutto nemmeno reintegrare, per regolamento, Castaignos).
 
Soffermiamoci però, in questa sede, sulle opportunità che l'esclusione di Forlan concede ad alcuni elementi della rosa nerazzurra. Partiamo dal presupposto che il trio d'attacco titolare dell'Inter sia composto sicuramente da Milito e Forlan, più uno fra Pazzini e Zarate. E così sarà in campionato.  
 
Ora, il vuoto lasciato da Forlan in coppa apre la strada, accanto all'inamovibile Milito, a diverse soluzioni:   Milito-Pazzini-Zarate; Milito-Pazzini-CoutinhoMilito-Zarate-Coutinho; Milito-Alvarez-Sneijder. Come si vede, a beneficiare dell'assenza di Forlan potrebbero essere soprattutto Coutinho e Alvarez. Pazzini e Zarate infatti avrebbero comunque trovato posto (o a inizio gara o match in corso) accanto a Milito, ma Coutinho e Alvarez difficilmente avrebbero potuto avere chances di partire titolari in Europa. 
 
Poi c'è il capitolo Sneijder. Stante l'avversione di Gasp al trequartista, l'assenza di Forlan potrebbe consentire all'olandese di giocare come esterno fra i tre attaccanti, anziché fra i quattro centrocampisti. 
 
Di seguito ricordiamo la lista Champions dell'Inter
Portieri: Julio Cesar, Castellazzi, Orlandoni. Difensori: Zanetti, Lucio, Maicon, Caldirola, Ranocchia, Samuel, Faraoni, Chivu, Jonathan, Nagatomo. Centrocampisti: Stankovic, Thiago Motta, Cambiasso, Obi, Crisetig. Attaccanti: Coutinho, Pazzini, Sneijder, Alvarez, Milito, Zarate.