Mick Schumacher, il figlio del grande Michael, sarà alla guida della Ferrari nel corso dei test che la Rossa di Maranello effettuerà sul circuito di Sakhir, in Bahrain, il prossimo 2 aprile. Il giorno successivo, invece, il 20enne tedesco sarà impegnato alla guida dell'Alfa Romeo C38. Per Mick sarà il battesimo ufficiale su una monoposto di Formula 1.

MICK SCHUMACHER SBARCA IN FERRARI - Di certo fa un certo effetto vedere nuovamente uno Schumacher alla guida della Ferrari. E di certo fa effetto, a sua volta, constatare come il giovane Mick stia bruciando le tappe a soli 20 anni. Perché il prossimo weekend, per lui, ci sarà l’esordio nel campionato FIA Formula 2. Poi un giorno di pausa, il lunedì, che trascorrerà rinchiuso nel box della Ferrari sul circuito del Bahrain, per preparare il suo esordio ufficiale in Formula 1 che avverrà il giorno successivo sulla Ferrari SF90. Di certo papà Michael sarà entusiasta dei progressi del piccolo Mick, ormai lanciato nell’Olimpo del motorismo.
OLTRE L’ASPETTO EMOTIVO - Ma qui si va oltre il significato emotivo. Perché l’ingresso nella Driver Academy del Cavallino, avvenuto lo scorso inverno, era stato il segnale che qualcosa sarebbe potuto accadere da lì a breve. E il più celebre dei figli d’arte tedesco ha detto subito sì all’offerta della casa di Maranello, tra le molteplici che gli sono state recapitate. Di certo per lui il test in Formula 1 sarà fondamentale, per capire quanto è pronto e quanto potrebbe dare, in ottica futura, al Cavallino. Perché Vettel non sarà immortale e con Leclerc andrebbe a formare una coppia di sicuro avvenire.