4
Karim Benzema, come riportato dall’Equipé, è atterrato questo martedì mattina all’aeroporto Roland Garros di Saint-Denis, comune francese della regione d’oltremare della Riunione, isola tropicale situata nell’Oceano Indiano. L’attaccante francese, dopo il forfait ai Mondiali a causa di un infortunio muscolare alla coscia sinistra, è stato filmato, visibilmente rilassato, dalla stampa locale e trascorrerà la prossima settimana sull’isola, all’interno di una location privata e segreta. Al termine di questi sette giorni, Karim farà ritorno a Madrid dove proseguirà il suo percorso di riabilitazione, tornando ad allenarsi alla corte di Carlo Ancelotti. L’arrivo di Benzema a La Riunione pone dunque fine alle speculazioni che volevano l’attuale Pallone d’Oro in carica pronto a scendere in campo con la maglia dei Blues in Qatar.

UN PASSO INDIETRO - Il centravanti francese aveva annunciato, lo scorso 20 novembre, il proprio forfait per i Mondiali in Qatar: "Stavolta devo arrendermi. La ragione mi dice di lasciare il mio posto a chi può aiutare la nostra squadra a fare un grande Mondiale". Una dichiarazione che non lasciava spazio ad alcun dubbio. Benzema non sarebbe stato a disposizione per la nazionale francese. Il commissario tecnico Didier Deschamps era chiamato ad una scelta. Una scelta che non venne presa perché il numero 9 del Real Madrid non fu sostituito, come annunciato in conferenza stampa dallo stesso Deschamps. Poi, ieri, la svolta: RMC Sport riportava che l'attaccante transalpino si stava riprendendo, più velocemente del previsto, dal proprio infortunio e sarebbe stato quindi arruolabile alla causa francese. Anche perché il nome di Benzema non è mai stato escluso dalla lista dei convocati ed è ancora inserito all’interno della lista ufficiale consegnata alla FIFA.
DESCHAMPS CHIUDE LE PORTE – Lo stesso commissario tecnico dei Les Blues è stato categorico sulla situazione riguardante Benzema: “Non è qualcosa a cui penso, conoscete la situazione, poi non so chi dica che cosa… Ho parlato con Karim dopo che è andato via dal ritiro, conoscete le scadenze per recuperare da un infortunio del genere. Non so esattamente cosa mi vogliate chiedere, che Karim possa fare ritorno da noi? Io mi prendo cura 24 ore su 24 dei giocatori che sono qui, anche se ho parlato con Kimpembe, con Pogba o con altri calciatori. Il resto lo lascio a voi. Se volete parlarne, fatelo. Discutete, immaginate, fate quello che volete. Non ho intenzione di commentare situazioni che non influenzano la nostra vita quotidiana all’interno del ritiro”. Un commento lapidario che non lascia spazio ad ulteriori interpretazioni. I Mondiali di Karim Benzema sono terminati. Anzi, non sono nemmeno mai cominciati.