82

“Un esordio fantastico, ma sono dispiaciuto perchè poteva fare gol dopo 35 secondi, poteva essere l'apoteosi”. Così l'amministratore delegato del Milan, Adriano Galliani, oggi in Lega Calcio: “Sono molto contento, è stato un corteggiamento lunghissimo, un sogno faticoso da inseguire. Era tanto tempo che cercavamo Mario. Il calcio è strano, doveva giocare Pazzini ma il destino ha voluto che si facesse male nel riscaldamento e dopo 35 secondi stava per segnare. Balo rafforza la nostra squadra ma non so quanti punti può portare, non si possono fare previsioni. E' un rinforzo che volevamo ma anche con Pazzini centravanti abbiamo fatto tanti punti. Benissimo Balotelli ma non facciamo diventare il Milan solo di Balo".

"L'atmosfera però è cambiata nei tifosi, negli sponsor e nel giudizio di altri club che telefonano. Abbiamo messo a punto il mini abbonamento, compri 7 e paghi cinque inizierà dalla partita col Parma. Pazzini in Champions? Spero ci sia. Non ho sentito il medico ma speriamo perchè  Balotelli non può esserci. Rigore? Magari c'era l'altro su Balotelli, i rigori però mi piace vederli dal campo e non con la telecamera, dalla tribuna mi sembrava rigore anche quello di Domizzi su Balo. Esultanza come Ibra? Dà quella fisicità, quel carisma come Ibra, dà una grande presenza scenica. Penso sia il sostituto ideale. Inter? Lasciamo stare, stiamo marciando ad un ritmo abituale avuto nei due anni precedenti. Abbiamo scontato l'inizio difficile, abbiamo finito di pagare questo handicap dopo 8 giornate".

"L'anno prossimo invece ce la giocheremo con tutti. Speriamo di farcela per il terzo posto. Il Barcellona? E' incredibile incontrarli per sei volte consecutive in due anni, fa bene agli incassi però è meglio incontrare altre squadre. Il presidente Berlusconi era molto contento ma l'ho incrociato appena due minuti dopo la partita di ieri. Pato in gol? Sono felicissimo, lui è un grande campione. Peccato per gli infortuni, speriamo che in Brasile stia bene, il suo problema è stato solo fisico. Più faticoso l'ingaggio di Ibra o Balotelli? Molto meno quello di Ibra, con Balotelli è stata una cosa unica al mondo per via della trattativa col City. Questo sarà il Milan del futuro, compreso Abate”.