Commenta per primo

Malesani sceglie Moretti al posto di Antonelli, mentre l'infortunato Mesto viene sostituito da Bovo. Constant preferito a Seymour in mezzo al campo. Montella, fischiatissimo, inserisce Ledesma e Capuano al posto di Alvarez e Delvecchio. Primi venti minuti di marca siciliana, poi solo Genoa a Marassi. Al 25' Frey è miracoloso nel respingere le botte a colpo sicuro di Maxi Lopez e Biagianti. E' il primo e ultimo sussulto del Catania, che al 29' va sotto:  Veloso alza un campanile, Andujar esce male, Palacio è in agguato e insacca. Il Catania accusa il colpo e quattro minuti più tardi regala il raddoppio ai padroni di casa. Jorquera lancia Caracciolo, Andujar e Spolli se la cavano come possono, Bellusci invece di spazzare lascia la palla sulla linea di porta e per Palacio è un gioco da ragazzi mettere dentro. Ospiti ancora in difficoltà al 44' quando Andujar si supera deviando in angolo la conclusione dello scatenato Palacio. Tutto facile per i rossoblù nella ripresa. Il Catania ci prova senza troppa convinzione e con pochissime idee. Il Genoa controlla e accelera solamente una volta trovando il 3-0. E' il 74', Palacio mette in mezzo e Constant di testa infila Andujar . Palacio mette le ali al Grifone che è ora primo in classifica; il Catania paga una difesa a tratti imbarazzante.

GENOA

Il difensore del Genoa, Emiliano Moretti. 'Sono contento per me e per la squadra, peccato aver chiuso con i crampi ed essere dovuto uscire. Questa vittoria ci deve dare morale, ma rimaniamo con i piedi per terra. Il primato dopo tre giornate è qualcosa di importante, vuol dire che stiamo facendo bene, ma continuiamo a guardare partita per partita. La cosa fondamentale è mantenere questo spirito di gruppo, così possiamo andare lontano'.

CATANIA

Il centrocampista del Catania, Marco Biagianti: 'Non abbiamo giocato male, il risultato è pesante ma dopo questi tre schiaffi pensiamo già a ripartire. Sappiamo che appena cala un po' l'attenzione gli altri ci puniscono, oggi ci siamo fatti due gol da soli praticamente, però poi abbiamo continuato a giocare e a crederci fino alla fine. Quest'anno avevo voglia di stare bene, purtroppo oggi mi sono fatto male all'adduttore, comunque non mollo e vado avanti'.