Commenta per primo

A Marassi si affrontano due squadre ancora in attesa di una svolta. Gasperini è costretto alla rivoluzione a causa dei tantissimi infortuni. A centrocampo Milanetto recupera in extremis, vicino a lui Rafinha con il ritorno di Rossi sulla destra. Giampaolo si presenta con Maxi Lopez punto di riferimento in attacco, Mascara e Gomez sulle fasce badano molto più a difendere che ad offendere. Primo tempo da sbadigli: il Genoa è lento e non riesce a trovare con facilità la spinta degli esterni, il Catania si chiude e non corre mai rischi. Al 20' la sfortuna si abbatte ancora sui rossoblù: Palladino esce per infortunio ed entra Mesto, è l'unica 'emozione' del primo tempo, eccezion fatta per una staffilata dalla lunghissima distanza di Silvestre di poco fuori al 39'. Nella ripresa il copione non cambia, e la noia è ancora la protagonista principale. L'equilibrio si spezza al 68' quando Rafinha regala a Marco Rossi l'assist perfetto, il capitano insacca a pochi passi da Andujar. La reazione del Catania è tardiva e si manifesta solamente negli ultimi minuti. All'82' è Ricchiuti ad avere la palla del pareggio, ma Eduardo in uscita compie il miracolo respingendo. Finisce così: il Grifone vince grazie ad un episodio una sfida che sembrava destinata al pareggio.

GENOA

Il difensore del Genoa, Dario Dainelli: 'Sono tre punti voluti e molto importanti. Il finale è stato molto concitato, abbiamo concesso troppe occasioni, dobbiamo ancora limare qualche cosa in difesa. Fino al gol abbiamo rischiato poco, poi abbiamo fatto l'errore di arretrare troppo. Dovevamo continuare a giocare come avevamo fatto prima del vantaggio, così abbiamo rischiato un po' troppo. Sono contento di avere fatto bene davanti a Prandelli, ma l'importante per me è il Genoa e la prestazione della squadra, che oggi giudico ottima'.

CATANIA

L'attaccante del Catania, Adrian Ricchiuti: 'Non meritavamo di perdere, ma è un periodo che in trasferta va così. Peccato davvero, soprattutto per il gol subito che era sicuramente evitabile. Sono contento che il mio ingresso abbia dato una spinta alla squadra. Oggi non ho visto un grande Genoa, io me lo ricordavo più pimpante e aggressivo'.